07-09-2012

reprimere la genera depressione ma qualche cosa bisogna pur farne...

Buonasera gentile Dr..sono una donna di 35 anni,Le scrivo per un problema che mi assilla da qualche tempo e nello specifico da 3 anni,cioè dopo aver partorito.Soffro di sindrome premestruale molto intensa,ma a parte i dolori fisici,ciò che preoccupa è la mia irritabilità e un forte senso di disagio psicologico dieci giorni prima,reazioni di ira che compromettono la mia vita sociale e familiare,a risentirne è soprattutto mio marito e questo mi provoca un senso di frustrazione,legato a pianti immotivati..in passato ho sofferto di depressione e penso in fondo di non esserne mai uscita completamente.. il fatto è che si acutizza pre e durante il ciclo e una volta finito ritorno ad essere più tranquilla anche se il mio atteggiamento non è mai propositivo nei confronti della vita..è come se tutto intorno a me non avesse colore ma fosse di un grigio sfumato,una malinconia che mi porto dentro e dal quale devo uscirne per il bene di mia figlia..dal momento che ha bisogno di me..ora più che mai visti i suoi problemi di linguaggio che tra l altro mi provocano molta ansia per il futuro..cosa posso fare?non è giusto,mi dispiace per i miei cari,mio marito che è una persona splendida non merita di essere trattato male...e poi vorrei tornare a sorridere..e a godermi di più le piccole gioie quotidiane e invece niente mi provoca interesse o riesce a coinvolgermi..è come se a volte mi assentassi,se qualcuno mi parla dopo non ricordo quello che mi ha detto,manco di concentrazione...mi scusi per lo sfogo,La ringrazio in anticipo.Cordiali saluti.
Risposta di:
Dr. Andrea Careggio
Specialista in Psicologia e Psicoterapia
Risposta
invece la ringrazio per lo sfogo. spesso la depressione è la soluzione che l'organismo trova alla rabbia che non può trovare, appunto, sfogo. diventare madre vuol dire realizzarsi in quanto donna e questo la rende più forte e sicura tanto da permettersi anche di emozionarsi un po' di più. Nel periodo premestruale molte energie e difese si abbassano. un ambiente perfetto perché certi rancori vecchi di anni possano finalmente trovare (il famoso) sfogo. eccoci ai suggerimenti. rispondi alla domanda, con chi, in verità, sei arrabbiata? forse è arrivato il momento di risolvere quella questione con l'interessato (in qualche modo) così che tu non debba più prendertela con chi ti circonda e non ne ha colpa. come un animale ferito che per paura e per rabbia morde chiunque si avvicini (anche se con le migliori intenzioni). coraggio, la tua ira è solo un passo in avanti rispetto alla depressione ora devi solo riconoscerne la ferita da cui scaturisce e prendertene cura.
TAG: Psicologia | Salute mentale | Terapie