Buonasera gentile Dr..sono una donna di 35 anni,Le scrivo per un problema che mi assilla da qualche tempo e nello specifico da 3 anni,cioè dopo aver partorito.Soffro di sindrome premestruale molto intensa,ma a parte i dolori fisici,ciò che preoccupa è la mia irritabilità e un forte senso di disagio psicologico dieci giorni prima,reazioni di ira che... Leggi di più compromettono la mia vita sociale e familiare,a risentirne è soprattutto mio marito e questo mi provoca un senso di frustrazione,legato a pianti immotivati..in passato ho sofferto di depressione e penso in fondo di non esserne mai uscita completamente.. il fatto è che si acutizza pre e durante il ciclo e una volta finito ritorno ad essere più tranquilla anche se il mio atteggiamento non è mai propositivo nei confronti della vita..è come se tutto intorno a me non avesse colore ma fosse di un grigio sfumato,una malinconia che mi porto dentro e dal quale devo uscirne per il bene di mia figlia..dal momento che ha bisogno di me..ora più che mai visti i suoi problemi di linguaggio che tra l altro mi provocano molta ansia per il futuro..cosa posso fare?non è giusto,mi dispiace per i miei cari,mio marito che è una persona splendida non merita di essere trattato male...e poi vorrei tornare a sorridere..e a godermi di più le piccole gioie quotidiane e invece niente mi provoca interesse o riesce a coinvolgermi..è come se a volte mi assentassi,se qualcuno mi parla dopo non ricordo quello che mi ha detto,manco di concentrazione...mi scusi per lo sfogo,La ringrazio in anticipo.Cordiali saluti.