30-09-2016

Rigonfiamento testicolare: diagnosi di idrocele

Buongiorno, vi scrivo per conto di mio figlio, 19 enne al quale è stata effettuata la seguente diagnosi in seguito a sostenuto rigonfiamento testicolare. L'esame ETG eseguito in regime ordinario con sonda lineare a larga banda ed elevata frequenza ha evidenziato: Didimo dx nei volumetrici ad ecostruttura finemente disomogenea, dislocato superiormente per la presenza di cospicua quota di idrocele; didimo sn ed epididimi nei limiti volumetrici ed ecostrutturali; all'integrazione color-Doppler vascolarizzazione presente bilateralmente; necessaria valutazione specialistica.
Cosa consigliate di fare? Esiste una struttura specializzata in Italia in tal senso? Sono ovviamente in attesa di consulto urologico. Grazie mile della collaborazione
Risposta di:
Dr. Giuseppe Dovinola
Specialista in Andrologia e Urologia
Risposta
È giusto sottoporsi a visita urologica e, molto probabilmente, ad intervento chirurgico. Bisogna vedere se ci sono infezioni in atto o altri tipi di problemi. Altrimenti intervento; per patologia che potrebbe essere anche congenita.
Saluti e auguri
TAG: Organi Sessuali | Salute maschile | Urologia