14-05-2008

Ringraziandovi anticipatamente vi chiedo alcuni

RingraziandoVi anticipatamente Vi chiedo alcuni consigli per mio papà (Nato il 02/03/1949)..a cui tengo molto(cerco di riassumere il quadro clinico): Nel 1986 diagnosi di angina da sforzo. Da quell' epoca asintomatico per angor. Riscontro occasionale di fibrillazione atriale (nel mese di Gennaio 2008), assente in un altro elettrocardiogramma sempre di gennaio. In preparazione per la cardioversione elettrica (effettuata il 12/02/08) è stato eseguito un esame ecocardiografico che ha evidenziato un'insufficienza mitralica di grado moderato, un' ipocinesia del segmento mediobasale del setto posteriore, un 'aneurisma del setto interatriale e una sottile sepimenlazione mobile sulla parete laterale dell'atrio sinistro. Una risonanza magnetica cardiaca ha consentito di evidenziare la presenza di un vaso affluente anomalo lungo la parete laterale dell'atrio sinistro, di un vaso abnormemente disteso dietro l'aorta discendente e uno sbocco anomalo delle vene sovraepatiche in atrio destro. E' stato sottoposto con successo a cardioversione elettrica, la quale dopo 15 gg circa si è ripresentata... per cui ha iniziato la terapia con Amiodarone che ha dovuto sospendere dopo circa 2 mesi per il presentarsi di divesi effetti indesiderati, quali: fotosensibilizzazione, forti emicranee notturne, distubi oculari (prurito , secchezza e di conseguenza arrossamento) (nonchè già evidente deposito di cordarone a livello corneale)... per cui per ora la sua terapia è di: Coumadin 5 mg con dosaggio da regolare secondo i valori dell' I.N.R. ( 2,5- 3 ) ; - Enapren 5 mg (in quanto pur non avendo mai avuto problemi di pressione ha avuto negli ultimi tempi durante la terapia con amiodarone episodi di presione alta , sopratutto la minima); -Ha sospeso da circa 10 gg l'amiodarone , la frequenza cardiaca per ora si mantiene ,a riposo, tra i 57/62 battiti al min; la fibrillazione a volte è presente come lo era anche prima della sospensione dell'amiodarone... Il cardiologo che ORA lo segue ha prescritto, ma non per ora in quanto mi ha detto che fin quando la frequenza cardiaca rimane in questo range non devo dargliela: cpr Lanoxin 0,125) Sarei onorata se un esperto potesse darmi dei chiarimenti un pò sul tutto..nel senso che: la fibrillazione sarà sempre cmq presente?bisogna controllare per ora solo la frequenza cardiaca?allora a cosa è servito l'amiodarone? (che per altro il cardiologo ke lo seguiva non gli voleva sospendere nonostante i sintomi riportati e la fibrillazione cmq presente che lui sosteneva sarebbe scomparsa con questa terapia.....per cui mi sono rivolta altrove....).. Cosa dovrebbe fare mio padre?Come dovrebbe vivere....? Ora ha fatto anche un altro esame: Angiorm vasi toracici con mdc ev (per quella anomalia del sistema venoso)di cui riporto referto: Presenza di complessa anomalia del sistema venoso sia sopra che sottodiaframmatico,sostanzialmente consistente in una persitenza di un doppio asse venoso (sinistro e destro), con prevalenza dimensionale del sinistro. In perticolare si rileva: -persistensa della vena cava superiore sinistra(originatesi dalla v.giugulare e succlavia omolaterali)che decorre antero-lateralmente all'ilo polmonare sinistro, per poi gettarsi nel seno coronario, che appare dilatato. A destra la vena cava superiore appare regolare per calibro(peraltro inferiore a quello della v.cava sup.sinistra), decorso ed origine. Nella vena cava superiore sinistra drena la vena emiazygos, che appare marcatamente dilatata, decorrendo posteriormente all'aorta, e ricevendo essa l'affluenza della vena azygos, che appare molto più piccola. In sede sottodiaframmatica, le vene sovraepatiche sboccano direttamente, per mezzo di un breve tronco comune, in atrio destro, mentre si associa la presenza di doppia vena cava inferiore:la vena cava inferiore destra appare molto più piccola della sinistra, e riceve,solo in parte,il drenaggio della vena renale destra, che invece in larga misura drena, passando posteriormente all'aorta (vena renale destra retroaortica), nella vena cava inferiore sinistra che continua nella v.emiazygos. Atrio destro aumentato di volume. Non alterazioni del circolo arterioso. RingraziandVi anora anticipatamente e scusandomi per essermi dilungata.... Aspetto con ansia Vs risposta...
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
19 le anomalie del sistema venoso non costituiscono Uun problema in quanto non comportano nessun rischio o danno Per quello che riguarda la fibrillazione atriale a mio parere adrebbe tentata una seconda defibrillazione previo un periodo di pretrattamento con Rytmonorm (salvo non esistano controindicazioni) Se anche questa via dovesse fallire si potrebbe tentare un ablazione della fibrillazione atriale
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare