Salve, grazie innanzitutto per il servizio offerto.ovviamente non cerco consolazioni o spiegazioni che posso dedurre da me, ma solo qualche coniglio.ho fatto degli esami di controllo di alcuni valori del fegato:ggt 117 u/lgpt 57.4 u/lgot 52.2 u/lpreciso che fumo e bevo con "discreta" dedizione...chiaro che non sono un alcolista ma conduco una vita... Leggi di più abbastanza dissoluta. il mio regime alimentare è però ferreo e come tutti gli ingenui sono attento solo alla linea. che dire, il colesterolo e il rapporto di rischio cardiovascolare (totale 190, hdl 74, trigliceridi 117) mi sembrano a norma. un' ulteriore informazione utile è che da quando sono adolescente assumo paroxetina e benzodiazepine, seguito dallo psichiatra e con notevoli miglioramenti, per attacchi di panico. stando così la situazione e dato che in passato ho sempre notato che tali valori del fegato tendevano ad alzarsi ho fatto gli esami per constatare come potevano risultare conducendo la vita normalmente( restando totalmente astemio per 3 mesi rientravano a fatica nella norma), ovvero secondo le personali e biasimabili abitudini. il quesito ora è questo: consigliate approfondimenti clinici o a dirla tutta è meglio cercare di evitare o almeno ridurre il consumo di alcool e ripetere gli esami tra qualche tempo? e in tal caso tra quanto?grazie sinceramente