15-04-2008

Salve ho 29 anni, cinque anni fa in seguito ad un

salve ho 29 anni, cinque anni fa in seguito ad un ecocardiogramma ho scoperto di avere un lieve prolasso alla valvola mitralica con minimo rigurgito. ora sono diversi anni che quasi ogni settimana vado dal dentista perché ho una terribile piorrea e ho anche avuto diversi innesti di osso biologico, devitalizzazioni, pulizia in profondità, fistole operate, capsule ecc. ecc. 1) come devo comportarmi per la copertura antibiotica? ora prendo 1 grammo la mattina di ogni intervento. 2) lei mi consiglia di continuare così assiduamente con le cure odontoiatriche o di ridurle? il rimedio dei denti curati non rischia di esser peggiore del male (visto il rischio di endocardite)? grazie
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Il prolasso valvolare mitralico deve essere controllato periodicamente con un esame ecocardiocolordoppler, nel suo caso consiglierei una volta l’anno. La profilassi dell’endocardite batterica per le procedure odontoiatriche e/o la chirurgia orale consiste nell’assunzione di Amoxicillina 2 gr. per os, un’ora prima della procedura, nel caso in cui fosse allergico alla penicillina può assumere Clindamicina 600 mg con le stesse modalità. Le consiglio di continuare le cure odontoiatriche, in quanto i responsabili maggiori dell’endocardite sono gli streptococchi che normalmente colonizzano l’orofaringe. Quindi una buona igiene orale previene tale possibilità infettiva.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare