Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

25/07/2016

Cinque alimenti per ridurre il colesterolo

cinque alimenti per ridurre il colesterolo
Walter Giannò
Scritto da:
Walter Giannò
Giornalista esperto in salute e benessere

Il colesterolo è sicuramente una delle parole più usate, soprattutto con accezione negativa, quando si parla di salute e alimentazione.
In realtà, preso di per sé, il colesterolo è una sostanza grassa che è indispensabile per la vita dell’uomo, così come per quella di ogni animale (mentre è quasi totalmente assente nelle piante).
 
Per citare qualche funzione, è importante perché:

  • è componente essenziale della membrana cellulare;
  • è coinvolto nella crescita e nella divisione cellulare;
  • è la sostanza base degli ormoni steroidei;
  • è fondamentale per lo sviluppo embrionale;
  • è impiegato nel fegato per la produzione di bile.

Il problema, però, sorge quando è presente in quantità elevate nel sangue, determinando così la colesterolemia che, nel peggiore dei casi, può tradursi in ipocolesterolemia e ipercolesterolemia, condizioni che possono mettere a rischio la salute, anche in maniera grave.
 
Per evitare l’insorgenza di patologie, la prima strada da compiere è migliorare la dieta di tutti i giorni anche se - è bene ricordare - non è il colesterolo introdotto con l’alimentazione ad aumentare la colesterolemia ma il consumo di alcuni acidi grassi saturi.
A tal proposito, ecco cinque alimenti consigliati per ridurre la presenza del colesterolo nel sangue:

  1. Avocado: questo frutto tropicale aiuta a ridurre i livelli del colesterolo tra il 9% e il 45%. Si suggerisce di mangiarne tra mezzo e uno e mezzo al giorno.
  2. Cereali integrali: aiutano a regolare il colesterolo e il migliore, per raggiungere questo obiettivo, è l’avena (i primi risultati si possono notare dopo 6 settimane con il consumo giornaliero di circa 70 - 100 grammi di farina d’avena, per esempio a colazione).
  3. Frutta secca: noci, mandorle, pistacchi riducono il livello di colesterolo LDL (quello cattivo, per intenderci), del 4%. La raccomandazione è il consumo giornaliero di 40 grammi di noci tostate non salate, soprattutto a colazione.
  4. Legumi: sono ricchi di fibre e favoriscono la diminuzione dell’assorbimento del colesterolo LDL. Ad esempio, i piselli riducono del 5% il colesterolo totale e dell’8% quello LDL. Anche la soia è un legume che riduce la colesterolemia. Il consiglio? Mangiare tra gli 11 e i 150 grammi di legumi tre volte a settimana.
  5. I vegetali con foglia verde (come gli spinaci) riducono i livelli di colesterolo, soprattutto se la dieta è ricca di grassi per favorire una maggiore eliminazione attraverso le feci. Consigliato anche il consumo di broccoli.

 


Per approfondire guarda anche: “Iperlipidemia“

 

 

Leggi anche:
Non sempre avere valori elevati di colesterolo 'buono' HDL significa essere a basso rischio di infarto o arteriosclerosi.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare | Nutrizione | Scienza dell'alimentazione | Apparato circolatorio | Prevenzione | Adulti | Anziani | STEP - Sedentario | BMI - Sovrappeso | BMI - Obesità di I classe | BMI - Obesità di II classe | BMI - Obesità di III classe
Walter Giannò
Scritto da:
Walter Giannò
Giornalista esperto in salute e benessere