L’ESPERTO RISPONDE

Salve, mia zia ha riportato una ischemia

salve, mia zia ha riportato una ischemia cerebrale, attualmente risulta paralizzata la parte sinistra del corpo braccio e gamba,il referto della tac eseguita a distanza di 48 ore è il seguente:persiste estesa e più netta ipodensità in sede cortico-sottocorticale nel territorio di distribuzione dell'arteria cerebrale media dx,compatibile con lesione... Leggi di più ischemica in fase acuta/subacuta,tale lesione esercita minimo effetto massa su corno frontale occipitale e trigono ventricolare omolaterali. strutture sostanzialmente in asse.aggiungo che mi azia soffre di fibrillazione atriale.gradirei sapere le possibilità di recupero della parte sinistra del corpo e le varie fasi del recupero. grazie

Risposta del medico
Specialista in Neurologia

Gentile Signore,l'età di sua zia è un'informazione importante, per provare a delineare una possibile prognosi (immagino che l'adulto di 45-54 anni sia Lei e non sua zia).Immagino anche che se sua zia era nota per soffrire di fibrillazione atriale, era già in terapia con anticoagulanti, o almeno antiaggreganti piastrinici.Il referto TC indica una lesione acuta-subacuta: il che vuol dire che, al momento della TC si era davanti ad una fase in cui... Continua agli aspetti legati alla sofferenza ischemica si aggiungono quelli dovuti al "rigonfiamento" (edema) di tutta la zona immediatamente circostante il punto di maggiore ischemia. Ciò è confermato dall'effetto massa che (come una specie di foruncolo infiammatorio) spinge sulle strutture circostanti. In genere, anche con l'ausilio delle terapie d'attacco, la componente edematosa tende a ridursi. Quindi, se non si verificano complicazioni, a distanza di una settimana al massimo la lesione ischemica (chiamala pure infarto) assume un contorno più delineato e in genere un'estensione minore di quella iniziale. In tutto questo trambusto, alla fine resterà una zona più o meno estesa di tessuto cerebrale irrimediabilmente morta. Il grado e l'estensione del deficit clinico (cioè la gravità della paresi ed il fatto che si estenda per tutta la metà del corpo oppure solo la gamba, o gamba-braccio, o viso-braccio) dipenderanno dall'estensione e, soprattutto dalla localizzazione del tessuto morto. Ci sono ad esempio casi in cui una lesione molto grande provoca deficit apparentemente lievi, semplicemente perché rimangono colpite zone del cervello che controllano "solo" indirettamente i movimenti, mentre lesioni molto piccole possono provocare stati di grande invalidità, perché coinvolgono centri direttamente responsabili delle funzioni motorie. Per questo motivo, capisce perché è molto arduo rispondere alla Sua domanda. Rimane il problema iniziale: com'è successo? Se la signora era in terapia con anticoagulanti, è piuttosto difficile la creazione di una tromboembolia che abbia provocato un'ostruzione arteriosa a livello della cerebrale media. C'erano delle placche ateromasiche molto gravi a livello delle arterie del collo? La Signora soffre di altre malattie predisponenti l'ictus (ad es. diabete)?. In genere, se tutto andrà per il meglio, sarà molto importante riprendere con attenzione lo stato medico generale di Sua zia.Distiniti saluti.

Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Neurologia
Prov. di Brescia
Specialista in Neurologia
Milano (MI)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Neurologia e Neurofisiopatologia
Perugia (PG)
Specialista in Neurologia e Fisiatria
Genova (GE)
Specialista in Neurologia e Psicologia e Psicoterapia
Palermo (PA)
Specialista in Neurologia
Genova (GE)
Specialista in Neurologia e Farmacologia medica
Termoli (CB)
Specialista in Neurologia e Medicina dello sport
Montesano sulla Marcellana (SA)
Specialista in Neurologia
Olbia (OT)