14-05-2008

Salve,sono un ragazzo di 27 anni, circa un anno fa

Salve,sono un ragazzo di 27 anni, circa un anno fa ho avuto un attacco con un vago dolore al petto, affanno, svenimento che mi ha portato ad accasciarmi, mi han portato in pronto soccorso e dopo un elettrocardiogramma, visita ed esame del sangue i han detto che era stato un attacco di stress( avevo già avuto attacchi notturni con senso di soffocamento). I mesi successivi sono stati un calvario, in me c'era la convinzione che ci fosse qualcosa che non andava al cuore ed ero continuamente in uno stato di ansia che mi portava a continui attacchi. Sono andato dal medico che mi ha prescritto piccole dosi di xanax(una pastiglia da 0,25 al giorno) e rispettive visite di accertamento. Ho fatto un altro elettrocardiogramma con rispettiva visita dal cardiologo e ha detto che era tutto aposto. Successivamente ho fatto un esame del sangue per vedere i valori della tiroide anche questi negativi. Poi ho fatto un ecocardiogramma e anche qui mi han detto che è un ottimo cuore. Sembrava tutto aposto ma ultimamente sento ancora senso di affanno soprattutto sotto sforzo(faccio nuoto) e mentre faccio la doccia, soprattutto se cè molto vapore. Giusto oggi ero in piscina e dopo circa un ora di vasche mi è venuto un senso di calore improvviso al torace e al collo(mi ero fermato per rifiatare)e nella successiva vasca ho percepito uno strano tonfo interno al torace, perdita fi forza e senso di svenimento,ho finito la vasca a stento. La cosa mi ha preoccupato, non so se stare tranquillo o fare un elettrocardiogramma sotto sforzo che è l'unico che mi manca(comunque di solito sotto sforzo avverto sempre una senzazione di calore) Sono alto 179cm 74 kg non fumo, non bevo e non ho precedenti familiari. Può darsi che sia dovuto all'apparato respiratorio da sviluppare dato che sono rimasto circa 2 anni senza fare attività fisica?Dico questo perchè in un test cardio respiratorio eseguito in una palestra mi avevano detto che l'apparato respiratorio era un pò debole per la mia età e bisognava migliorarlo con l'allenamento Grazie
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
I sintomi riferiti, la negatività di tutti gli accertamenti già effettuati e i giudizi già espressi dai cardiologi che l’hanno visitata, fanno ritenere che la responsabilità dei suoi malesseri sia da attribuire in via prioritaria a condizioni di ansia e di stress .
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!