02-04-2008

Salve, sono un ragazzo di 36 anni, da circa un

Salve, sono un ragazzo di 36 anni, da circa un anno soffro di disturbi intestinali, transito irregolare alle volte frequente alle volte stipsi per qualche giorno. IL mio medico mi ha prescritto alprazolam e paroxetina, dopo alcuni giorni ho avvertito dolore puntorio al petto con estensione alla spalla. Ho sospeso la paroxetina presa solo per 4/5 giorni e ho continuato con l'alprazolam, dopo una settimana la mattina ho avuto una crisi ipertensiva don un dolore alla parte sinistra del torace irradiato sotto la costola e al braccio sinistro che curo con aspirina, quando finisce l'effetto devo riprendere un 'altra aspirina altrimenti riprendono i dolori (lievi ma continui). ho eseguito l'elettrocardiogramma ed è risultato negativo. Dopo ancora 4/5 giorni ho riavuto la stessa crisi ipertensiva e di nuovo dolre con aggiunta di pesantezza di testa. Il giorno successivo mentre ingerivo il cibo ho avuto un dolore un po più intenso durato 10/20 secondi e poi di nuovo dolore puntorio al torace avendo sempre il dolore alla parte sinistra in modo latente. cosa posso fare devo preoccuparmi o continuo a prendere alprazolam?
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Da quello che mi racconta il suo Medico si è orientato nel considerare i suoi disturbi come dettati da uno stato di ansia. La paroxetina, inizialmente consigliata, in casi rari ed in soggetti ansiosi e/o con ipertensione arteriosa “latente”, potrebbe determinare”sbalzi” della pressione (cosi’ come tutti farmaci della categoria a cui la paroxetina appartiene); la sospensione del farmaco in genere fa regredire tali disturbi. Continui a seguire i consigli del suo Curante, ma non trascuri di tenere sotto controllo la sua pressione finchè non è certo della sua normalizzazione.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!