Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

03-05-2013

Salve,sono una donna di 35 anni,soffro di disturbi

Salve,sono una donna di 35 anni,soffro di disturbi dell'alimentazione e ho seguito una terapia psicologica per 5 anni.Ora sto meglio e sono a peso forma.Il problema è che ho preso una marea di farmaci per curare la psiche ma io credo di aver pregiudicato qualcosa nella mia salute.Sono circa 3 mesi che prendo il wellbutrin(bupropione)e sto sempre male.Sono sempre stanca e affaticata e da qualche giorno ho un tremore alla mano sinistra,una brutta cistite che ho curato con antibiotici ma non mi hanno fatto assolutamente nulla.Ho fatto delle analisi del sangue e delle urine che ritirerò solo Lunedì prossimo e sono profondamente in ansia.può essere che sono ancora gi effetti collaterali del wellbuitrin o posso aver pregiudicato fegato e reni?ho preso molti diuretici in dosi massicce anche 1000mg di lasix al giorno.Vi prego aiutatemi sono sola in quanto non vado più al centro salute mentale e non vorrei riandare dal mio psichiatra.solo il wellbutrin mi ha aiutato a stare un pò meglio psicologicamente di tutti i farmaci che ho preso.Ho il terrore di sospenderlo.Grazie dell'attenzione.Daniela
Risposta

Gentile Sig.ra,

i tremori e la stanchezza  che lei riferisce sono sintomi aspecifici e, pur essendo possibili effetti collaterali del bupropione, possono avere molte altre cause compresa la non risoluzione di uno stato depressivo  per cui  in genere si prescrive questo farmaco.

Ha fatto bene, visto anche il problema cistico, ad effettuare gli esami ematici ed urinari che potranno eliminare i suoi timori in merito alla possibile compromissione epatica e renale. Le consiglio di portarli in visione al suo medico di famiglia che valuterà, in base anche all'evoluzione della sua sintomatologia, se richiedere ulteriori accertamenti. Per quanto riguarda il Lasix le consiglio ovviamente di non assumerlo al di fuori delle prescrizioni mediche. Le consiglio infine di rivolgersi nuovamente con fiducia al centro di salute mentale o al suo psichiatra perchè  è necessario periodicamente   rivalutare lo stato di salute psicologico e la terapia psicofarmacologica. Potrà riferire quanto il farmaco le è stato di giovamento  ma  contemporaneamente manifestare le sue perplessità riguardo alla terapia. Lo specialista valuterà il meglio da farsi.

Cordiali saluti.

dr.ssa Chiara Bergesio

TAG: Malattie psichiatriche | Psichiatria | Salute mentale
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!