Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

29-11-2018

Sangue nelle urine

Buona sera, mio papà 69 anni, ha fatto un esame alle urine, tre provette in tre gi orni diversi, uno dopo l'altro perché ha notato sangue nelle urine, in un primo momento il medico di base pensava fosse causa dell'antiaggregante xarelto da 20 e si è provato a sospenderlo per 3-4 giorni, e in effetti l'urina era tornata normale, però il cardiologo gli ha consigliato di riprendere xarelto per la sua aritmia, e dopo 4-5 giorni mio padre ha notato che ricominciava a scurire l'urina verso la fine della minzione, allora il medico di base ha prescritto questol'esame alle urine. Però l'eggendo il referto dell'esame mi sono cascate le braccia quando ho letto calcinoma, il medico di base ha visto il referto ma sembrava molto tranquillo, gli ha prescritto ecografia tra 8 giorni e visita urologo tra 10. Che cosa mi posso aspettare? Scusate se disturbo, ma è da venerdi che non dormo. Grazie
Risposta di:
Dr. Giovanni BerettaDottore Premium
Specialista in Andrologia e Patologia della riproduzione umana
Risposta
Gentile lettore, corretto l’atteggiamento clinico del suo medico di famiglia; sicuramente poi l’uso dell’antiaggregante va tenuto in debita considerazione ma in presenza di una tale sintomo clinico va sempre chiesta una successiva analisi microscopica delle urine che documenti un numero di globuli rossi maggiore di tre per campo e poi iniziare a fare ulteriori indagini cliniche diagnostiche più complesse. Un singolo episodio di ematuria macroscopica, anche se isolato ed unico, in un soggetto adulto rende comunque necessario il suo invio ad uno specialista urologo per una ulteriore e più approfondita valutazione ed ancora in presenza di ripetuti episodi di ematuria e in assenza di una possibile problematica clinica benigna dimostrata, va sempre presa in considerazione l’indicazione a sentire anche lo specialista urologo per programmare una valutazione endoscopica, quale una cistoscopia, ed esami di diagnostica d’immagine vari come ecografie ed eventualmente una TAC. Anche in paziente, sottoposto a terapia antiaggregante o anticoagulante, un episodio di ematuria va comunque ben valutato e studiato; un’attenta valutazione clinica iniziale di un’ematuria deve essere fatta a prescindere dalla richiesta di esame citologico delle urine per ricerca di cellule tumorali o di altri marcatori tumorali. Un cordiale saluto.
TAG: Urologia
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!