Buongiorno nel 2018, a 50 anni, non ancora in menopausa, sono stata operata di Carcinoma duttale infiltrante G1 multicentrico con estesa componente intraduttale di tipo solido e cribriforme con necrosi, stadio pT1bm (0.7 cm) pN1a (1/23) M0 G1; ER 90%, PR 90%, Ki-67 11%, c-erbB-2 negativo. Eseguita mastectomia totale e escissione di 23 linfonodi, di... Leggi di più cui il sentinella e il primo del secondo livello presentavano metastasi. Non ho fatto chemioterapia, ma dopo circa due mesi ho iniziato terapia con Exemestane, a cui è seguita la puntura mensile di Leuprorelina Acetato, poichè gli estrogeni erano ancora alti. Ad oggi, dopo due anni di terapia, sono ingrassata di 10 Kg, e ho, ormai da circa 6 mesi, dolori a tutte le articolazioni, a volte forti, soprattutto al mattino, e rigidità nell'alzarmi, dopo periodi di 2 o 3 ore seduta o sdraiata. Svolgo un lavoro sedentario (informatico)e non mi è possibile andare in palestra o fare sport con regolarità. L'oncologo che mi cura (vivo in Svizzera tedesca), mi ha proposto una sospensione della puntura di Leuprorelina Acetato e il passaggio a Tamoxifene. Da due giorni ho sospeso la puntura e aspettiamo di vedere se torna il ciclo, altrimenti si rifaranno i dosaggi ormonali tra un paio di mesi per capire come procedere, ossia se rifare Leuprorelina Acetato oppure no, se mantenere il Tamoxifene o tornare ad Exemestane, con rischio di osteoporosi. A breve faro' una densitometria ossea per valutare eventuali danni, e status. Vorrei un parere, perchè il mio oncologo Italiano (che non posso vedere di persona causa blocco frontiere per Covid-19, e quarantena successiva), mi ha suggerito di mantenere la terapia vecchia (Exemestane + Leuprorelina Acetato)e fare ginnastica in casa. MI ha inoltre detto che corro un grosso rischio di recidiva e che se cambio terapia, potrei presto ammalarmi di nuovo. La risposta mi ha molto preoccupata, quindi chiedo a voi per cortesia di darmi un parere obiettivo. Grazie, cordiali saluti.