L’ESPERTO RISPONDE

Spero di rispodere

Buonasera, sono affetto da riflusso gastroesofageo, che mi ha causato delle erosioni. La gastroscopia rivela una "voluminosa ernia iatale", HP non presente. Nonostante mi sia rivolto a diversi specialisti non sono riuscito ad avere risposte precise alle seguenti domande.In che modo l'ernia iatale favorisce la cattiva tenuta della valvola cardiale?Da cosa deriva l'ernia iatale stessa? E' lo iato (da quel che ho capito è il passaggio nel diaframma attraverso il quale passa l'esofago, sostanzialmente un foro in una membrana) che si allarga o si rilassa e permette il protrudersi dello stomaco? O lo iato è semplicemente infiammato? Può darsi che si sia allargato/strappato in modo permanente a seguito di un trauma? Quali altre cause producono questa tendenza dello stomaco a insinuarsi nello iato? Ad esempio un chirurgo faceva l'ipotesi di legamenti lassi, che non tengono lo stomaco nella sua posizione... Lo domando perchè mi piacerebbe avere un quadro chiaro dei fattori causali (non solo infiammatori a carico dell'esofago, ma eventualmente anche fisiologici) che favoriscono il problema.Grazie
Risposta del medico
Dr. ALFREDO SAGGIORO
Dr. ALFREDO SAGGIORO
Specialista in Gastroenterologia e Medicina interna

 Lei fa domande da trattato di anatomia patologica.

Le risponderò in sintesi.

1. il diaframma è un muscolo e lo iato una specie di pertugio di comunicazione fra torace e addome e lì passa l'esofago.

2. l'ernia iatale può essere congenita, traumatica ecc.. ma, ciò nonostante, può anche non interferire con il processo di continenza valvolare, specie se è piccola.

3. il reflusso è la conseguenza di: cattiva motilità determinata da scarsa masticazione e e eccessiva velocità di deglutizione, cattiva digestione con permanenza del chimo troppo tempo nello stomaco, intolleranze ad alcuni alimenti che hanno effetto infiammatorio, eccessiva produzione di secreti come conseguenza della cattiva digestione, della cattiva masticazione o di alimenti introdotti scarsamente digeribili o tollerati. Questo nel 95% dei casi.

Cordialmente

Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Colonproctologia e Chirurgia dell'apparato digerente
Cantù (CO)
Specialista in Gastroenterologia e Chirurgia generale
Messina (ME)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Gastroenterologia e Epatologia
Roma (RM)
Specialista in Gastroenterologia
Catania (CT)
Specialista in Medicina interna e Gastroenterologia
Spinea (VE)
Specialista in Gastroenterologia e Reumatologia
Milano (MI)
Specialista in Gastroenterologia
Palermo (PA)
Specialista in Medicina interna e Gastroenterologia
Cagliari (CA)
Specialista in Neuropsichiatria infantile e Psicoterapia
Palermo (PA)
Specialista in Medicina generale e Gastroenterologia
Taranto (TA)