Salve vorrei alcuni chiarimenti riguardo a un eventuale operazione al setto nasale relativa ad alcuni sintomi che avverto.Premetto che all'età di circa 10 anni per via del russamento notturno e sistematica respirazione dalla bocca con una radiografia mi fu diagnosticato uno sperone osteo-cartilagineo e considerata l'età mi fu prescritto uno spray nasale da mettere prima di dormire, dando ovviamente momentaneo sollievo. con la crescita si sono aggiunti altri sintomi legati probabilmente a questo problema e ora, ho 20 anni, ho deciso di risolvere definitivamente il problema. I sintomi che accuso sono:-russamento notturno cronico accompagnato spesso da apnee e respirazione dalla bocca anche durante il giorno;-cefalea che interessa la radice del naso,la fronte e gli occhi che insorge anche 5 o più volte a settimana;-sensazione di costrizione nasale in seguito alla quale inspiro continuamente come per liberare le vie respiratorie e avverto come un tappo muco all'inizio della gola che mi costringe a deglutire frequentemente;-frequenti raffreddori accompagnati talvolta da lieve sanguinamento;Tengo a precisare che durante questi anni ho subito diversi traumi seppur lievi di vario genere e non saprei dire se hanno provocato alterazioni poichè non ho effettuato radiografie. Nella famiglia diversi parenti riscontrano il problema del setto nasale deviato di natura congenita e con una leggera gobba (me compresa)che magari ne modifica la struttura interna,quindi potrei esserne affetta anch'io. Fra qualche giorno ho una visita da uno specialista e non vorrei che magari nel corso degli anni (semmai fosse possibile ciò) la sporgenza osteo-cartilaginea sia scomparsa e dunque non mi verrà diagnosticato nulla, dal momento che ci tengo a risolvere questi disturbi. Da quanto ho descritto ,il medico potrà proporre un intervento chirurgico come soluzione?? Cordiali saluti, Anna