Buongiorno. Sono una donna di 41 anni, alta 1.65 circa e delpeso di 73 kg. Ho avuto le ultime mestruazioni il giorno 14 agosto e attendo il nuovo flusso mestruale per il giorno 15 settembre. Stando a queste date, ho calcolato l'ovulazione intorno al giorno 31 agosto/1 settembre. Il giorno 27 agosto, dopo che il 25 agosto ho trovato sugli slip... Leggi di più alcune piccole perdite che ho ricondotto a spotting, ho avuto un rapporto completo non protetto.La mattina del 28 agosto ho trovato l'unica (per questo mese) traccia di muco, per la verità semi-trasparente e non abbondante. Ragion per cui ho preso, la sera stessa una compressa di Norlevo. Da quel giorno in poi ho notato una grande secchezza vaginale. Ad alcuni autoesami della cervice (li faccio, probabilmente spinta dall'ansia) l'ho notata, in questi ultimi tre giorni, piuttosto bassa e "dura" al mattino, mentre si alzava di un centimetro circa verso sera, non tanto però da risultare irragiungibile. Soltanto stamattina l'ho percepita leggermente più alta. All'autoesame di due giorni fa e di ieri, ho notato, ritraendo la mano, delle tracce ematiche di colorazione marroncina (quella di ieri addirittura aveva la consistenza più "filamentosa", non so come meglio definirla).Ad oggi non ho nessun sintomo, né di gravidanza, né premestruale, fatta eccezione per alcuni crampi addominali durati circa 4 giorni. No nausea, no ipersensibilità agli odori, no vertigini, no eccessiva o inspiegabile stanchezza, no irritabilità o altro. Le chiedo: stando alle date sopra riportate, con quanta tranquillità posso escludere una gravidanza? Tra quanto posso fare un normale test sulle urine che restituisca un (auspicabile) negativo attendibile? I crampi avuti possono essere ricondotti all'assunzione di Norlevo? La ringrazio per la sua cortese risposta.