Buonasera, dopo essere risultata positiva ad un prick test che ha stabilito 2 positività rispettivamente a cipressi e betulle e una positività alle graminacee, mi sono fissata di essere allergica anche alle tinte per capelli, seguendo un ragionamento ho ipotizzato che se sono allergica ai pollini vuol dire che il mio sistema immunitario non funziona bene quindi devo fare anche il patch test per cercare ulteriori allergie e ho smesso di tingermi i capelli, anche se per anni mi sono tinta senza mai subire reazioni allergiche, Visto che il patch test non lo posso effettuare a causa del caldo, le domande che Le rivolgo sono le seguenti:- se faccio un mini test di sensibilità alla tinta sulla pelle e attendo 48 ore e non compaiono reazioni avverse, posso stare sicura di non avere ulteriori allergie?- se devo mescolare l'ossigeno alla tinta e in che quantità?- se posso applicarlo in una qualunque zona del corpo o il ph è differente?- è più attendibile effettuare un patch test dal dermatologo?Inoltre, vorrei utilizzare una tinta senza ammoniaca perchè provo una certa ipersensibilità agli odori, non so a cauda dell'allergia ai pollini o alla mia perimenopausa, alcuni odori li sento forti e li trovo sgradevoli. Sono rimasta molto impressionata dalla storia di quella ragazza, Estelle, che dopo un mini test tenuto solo mezz'ora si è applicata la tinta e dopo un po' le si è gonfiata la testa come una lampadina. Mi illumini per favore e se possibile mi rassereni.Quando indosso gli orecchini sia di bigiotteria che di oro bianco cominciano a bruciarmi i buchi fino a crearsi delle ferite, è l'unica cosa che ho notato su di me da sempre, potrebbe essere nickel?cobalto?Grazie mille per l'attenzione