26-10-2012

specificita' e sensibilita' della RMN in diagnostica differenziale

gentile dr. mi è stato diagnosticato con ecografia un nodulo solido non palpabile al qse seno dx di 7mm, molto vicino al muscolo pettorale, tanto da poter effettuare ago aspirato con esito c3 ma non il mammotome vabb per la profondità della lesione e quindi da indagine istologica con core biopsy tru cut è emerso un b1 ossia esito inadeguato. il senologo-oncologo mi consiglia asportazione chirurgica in anestesia totale leggera e conseguente istologico del pezzo operatorio. il quesito è il seguente: ho 44 anni e seno fibrocistico, non sarebbe stato opportuno ripetere l'esame citologico o una rm con mdc per valutare l'effettiva natura del tessuto nodulare e secondo Lei, visto che dovrò sottopormi a centraggio con carbone prima dell'intervento, rimarrà a seguito dell'asportazione una cicatrice visibile? grazie. cordialità.
Risposta

Gentile utente

 

la RMN mammaria con mdc se bwen eseguita ed interpretata rappresenta un valido esame

per una dfiagnostica differenziale pre exeresi

Ci contatti per ulteriori dettagli

 

www.studiomedicocirolla.it

TAG: Ginecologia e ostetricia | Organi Sessuali | Salute femminile