Logo Paginemediche
  • Programmi
  • Visite
  • Salute A-Z
  • Chi siamo
  • MediciMedici
  • AziendeAziende
L’ESPERTO RISPONDE

Trapianto epatico

Salve, mio marito affetto da cirrosi epatica HCV correlata in classe A6 di CHILD-PUGHT, epatocarcinoma monofocale trombosi portale parziale ha avuto di recente emorragia digestiva superiore secondaria ad erosione epicardiale, in atto varici esofagee F2 in profilassi primaria con betabloccante. Desidererei sapere se si puo' effettuare trapianto e se' si qual'e il luogo piu' attendibile per effettuarlo. Dalla tac e' risultata la presenza di lesione di 3cm che appare ipodensa in prima ipotesi con HCC ipovascolarizzato. Le conclusioni della tac sono " il paziente presenta un epatocarcinoma all'ottavo segmento su cirrosi epatica HCV correlata complicata dall'ipertensione portale, data l'eta' del paziente, la monofocalita' dell'epatocarcinoma e le sue dimensioni e' stato inviato a valutazione pre-trapianto". Se non si potesse trapiantare qual'e' l'iter della malattia e quanto gli rimarrebbe da vivere? Grazie MDP
Risposta del medico
Dr. Fegato.com
Dr. Fegato.com
La presenza dell’epatocarcinoma monofocale in cirrosi pone l’indicazione al trapianto epatico. Pertanto si deve rivolgere al Centro per trapianto di fegato più vicino al suo domiclio ed affidarsi a loro per tutti gli esami necessari per la valutazione dell’inserimento in lista di attesa per trapianto. Ottimi Centri di questo tipo si trovano presso l’Ospedale “Le Molinette” di Torino oppure a Pisa oppure a Napoli (Ospedale Cardarelli).
Risposto il: 03 Novembre 2006
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali