10-09-2012

Trattamento neoplasie del colon iniziali

Salve, mia madre, di 55 anni, è stata sottoposta ad emicolectomia destra per una lesione del cieco, si trattava di un adenoma tubulo-villoso con un focus di neoplasia intramucosale e superamento, da parte delle cellule, della muscolaris mucosae con iniziale invasione della sottomucosa. Le cellule erano moderatamente differenziate e non vi erano segni di invasione vascolare. Dopo l'intervento, i linfonodi sono risultati tutti negativi.Chiedo gentilmente se sia corretto non effettuare alcuna terapia adiuvante e procedere al solo follow-up, nonostante che una lesione di questo tipo sia dotata potenziale metastatico.Ringrazio e saluto cordialmente
Risposta di:
Dr. Andrea Marco Tamburini
Specialista in Chirurgia dell'apparato digerente e Chirurgia generale
Risposta
La chemioterapia adiuvante ha lo scopo di ridurre il potenziale metatastatico ma no di annullarlo, tant'è vero che i controlli di follow up vanno mantenuti. Plurimi studi hanno dimostrato che non vi è beneficio nel fare in questi pazienti un trattamento CT Nei casi iniziali con linfonodi negativi il rischio di ricaduta si aggira attorno al 10% che è anche la percentuale di rischio di ricaduta dopo la CT adiuvante. Mentre gli svantaggi del farla sono gli effetti collaterali e l'utilizzo di farmaci che potrebbero essere potenzialmente utili in una ricaduta. L'unica cosa che deve fare sua madre è un attento follow up clinico come le è stato correttamente consigliata
TAG: Chirurgia dell'apparato digerente