Tre mesi orsono, ho avuto una crisi ipertensiva con valori 100 min. e 170 max (ho 37 anni, sono alto 1.76 cm, peso 88,20 kg, non ho mai sofferto di pressione). Nei giorni successivi, la minima si manteneva comunque alta fino a venti giorni fa (non tutti i giorni). Mi sono sottoposto a visita cardiologica nonchè ad una serie di accertamenti... Leggi di più strumentali di laboratorio (esame catecolamine, valdosterone, ormoni tiroidei, renina, emocromo, assetto lipidico, eco addome, ecocuore, ecocolordoppler logge renali). L'esito di tutti questi esami, completati solo alcuni giorni fa, è stato negativo a detta del cardiologo il quale ha riscontrato solo un leggero ispessimento della carotide e non l'pertensione, dicendomi di seguire la dieta mediterranea e di fare attività motoria (sono sovrappeso di circa 15 kg). Devo precisare però che l'esame ematocrito effettuato venti giorni dopo questo episodio di pressione alta aveva consentito di riscontrare i valori dei globuli bianchi elevati rispetto ai limiti di norma. Solo con le recenti analisi, questi valori sono rientrati nella norma. La pressione, che misuro spesso in questo periodo, è ritornata normale. Quando mangio o quando mi lavo la faccia, divento comunque rosso sugli zigomi e sul collo. Ho spesso acidità, bruciori e pesantezza di stomaco, soprattutto dopo la colazione. Preciso che sono affetto da sinusite cronica e ipertrofia dei turbinati. A suo avviso devo fare qualche altro esame? Grazie e distinti saluti