Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

12-11-2013

valutazione a 360°

Salve sono Giusi ed ho quasi 35 anni. Sin da bambina ho sofferto di stipsi.Negli ultimi 6 anni circa, questo problema è diventato cronico. È pur vero che nell'adolescenza non mangiavo completamente frutta, ma crescendo è iniziata a piacermi e dalla mia dieta non manca mai, anzi devo dire che consumo in media al giorno 500g di frutta e altrettanta verdura. Il problema della stipsi mi é addirittura peggiorato e se non prendo qualcosa per evitarla, fino a 15 giorni non riesco ad andare autonomamente. Ho provato di tutto: tisane, pillole dell' erboristeria, benefibra, psyllogel,lattulosio ( che invece di darmi sollievo mi ha fatto gonfiare in tutto il corpo, come se mi avesse fatto allergia, provocandomi dei ristagni di liquidi intramuscolari), olio di vasellina, fermenti lattici, micoclismi, guttalax, ecc, ecc.. Praticamente a volte mi fanno effetto e riesco ad andare dopo le 24 ora (l'effetto lo fanno solo la prima volta, le altre volte che le assumo l' effetto non c'è più), a volte é come se non avessi preso niente. Fra le altre cose soffro di intolleranza alimentare ( lievito di birra, lievito chimico, burro, margarina, muffe, formaggi, aceto, funghi)e ovviamente se ingerisco, inavvertitamente, qualche alimento che contiene una di queste sostanze a cui sono intollerante, inizio a gonfiare, non solo la pancia, ma anche viso, braccia, reni, ginocchia, piedi e nei glutei mi si formano edemi e cellulite prima inesistenti. Premetto che sono alta 1.65cm e peso 56 kg, quindi sono abbastanza magra. Questo gonfiore peggiora il fenomeno della stipsi e di conseguenza, il gonfiore persiste per diversi giorni, provocandomi dolori forti alla schiena e alle gambe e nausea, che peggiora con l' assunzione di acqua( bevo dai 2 ai 3 l di acqua al giorno). Datemi qualche consiglio. Grazie.
Risposta

 Il suo problema è complesso e probabilmente riconosce molteplici concause.

L'unico consiglio che le posso dare è di rivolgersi ad un centro dove queste problematiche vengono affrontate globalmente ed in modo multidisciplinare per effettuare diagnosi corrette ed adeguati trattamenti

cordiali saluti

Sergio Agradi

TAG: Chirurgia generale | Gastroenterologia
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!