21-03-2006

Vasodilatazione periferica

Egr. dott. sono infartuato da un infarto silente, nel 2003 durante una coronarografia mi hanno applicato un stent, la mia pressione è quasi regolare 130-140/70-80 i medicinali prescritti sono sequacor20, triatec10, monoket40, cardioaspirina, provisacor10, omnic, e la protezione per lo Stomaco. oggi si è ripresentato un evento che non percepivo da due anni; mentre stavo vicino la cucina e mettevo nel piatto della minestra bollente ho sentito gradualmente un forte calore al volto un senso di restringimento alle mascelle e il mio volto è diventato rosso fuoco il tutto è durato 1 minuto o quasi, dopo tutto è ritornato normale faccio presente che qulche minuto prima avevo bevuto di seguito 3 bicchieri di acqua minerale levissima, ho misurato la pressione era 150-83 non so a chi rivolgermi se al cardiologo o ad altro specialista attendo con impazienza, grazie domenico.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Potrebbe trattarsi di una reazione di vasodilatazione periferica scatenata dal calore e favorita da farmaci ad azione vasodilatatrice che sta assumendo. Se l’episodio resta isolato, non ci darei eccessiva importanza. E’ bene comunque che senta il Suo cardiologo, che, in base ai Suoi dati anamnestici, deciderà sull’opportunità di un approfondimento diagnostico.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato respiratorio | Malattie dell'apparato cardiovascolare