21-03-2008

Vi ringrazio anticipatamente della risposta che mi

VI RINGRAZIO ANTICIPATAMENTE DELLA RISPOSTA CHE MI sarà data.Vi leggo un'ecografia con mdc fatta il 29-02-2008 In condizioni basali dimostrabili 4 lesioni focali tutte compatibili con HCC una al 3 seg.iperecogena disomogenea di 18mm due iperecogene al 2seg di 16e17mm,una a mosaico di 4cm tra 6e7seg con porzioe esofitica.Iniezione a bolo di tre dosi di sonovue da 2,4ml in sequenza 3 lesioni(al6 al 2e3S)mostrano il patter tipico di HCC perfusione precoce in fase arteriosa e wash-out nelle fasi tardive.Il nodulo piu piccolo al 2S ha solo un debole wash-out: Mio padre ha 74anni e da quattro affetto da cirrosi epatica scompensata con insuff.renale con creat. a 3.17 gli ultimi analisi sono azot.89 pot.4.32 Bilir.tot.0.88 Bilir.dir.0.22 Bili.ind.0.66 Glob.rossi 4.080.Emogl.13.7 Glob.bia.3.900 piastr.108.Tempo prot.12,8Att.prot.90.0 INR1.06 Ammon.43.0 Proteine tot.7.6 L'epatologo leggendo tutti questi accertamenti mi ha detto che la chemioembolizzazione non la puo fare e che mio padre è in una fase pre-terminale cioè ha 6-12 mesi di vita Vorrei sapere se secondo voi con questi analisi effettivamente mio padre ha cosi poco tempo.Spero avere presto una vs risposta.Grazie
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
Sebbene dai soli dati biochimici non sia pssibile rendersi conto delle condizioni cliniche di un paziente, riteniamo tuttavia che non sembra siano presenti le condizioni di gravità della malattia epatica da controindicare in maniera assoluta la chemnioembolizzazione. Pertanto saremmo dell’avviso di fare avere a suo padre un’altra consultazione per rivalutare la situazione.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna