Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

02-11-2006

Vi scrivo in quanto il mio ginecologo mi ha

Vi scrivo in quanto il mio ginecologo mi ha prescritto per i disturbi di
menopausa (ho 51 anni) FIROGEN PLUS che ho preso per circa 4 mesi ,questo
farmaco da circa un mese è stato ritirato dal commercio in quanto la Cimicifuga racemosa di è composto è la causa di intossicazioni al fegato anche gravi di gravi epatiti Dalle analisi rifatte dopo 15 giorni dalla sospensione del farmaco appare GOT/56 GPT/98 GGT/75 che stanno leggermente scendendo . Le domando come si può imputare la tossicità del fegato ad un farmaco? Ci potrebbero essere altre cause? il mio medico mi ha prescritto come cura 2 pasticche di transmetil 500 ma io non vorrei prenderle, posso aiutare naturalmente il mio fegato? Ci sono analisi specifiche per capire meglio che tipo di intossicazione ho avuto?Cosa posso mangiare? Grazie per la disponibilità
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
Gli estratti della pianta Cimicifuga racemosa, originaria del Nord America, sono oggi diffusi in Europa principalmente per curare sintomi peri e post-menopausali. In data 7 agosto 2006, il Dipartimento per la Sanità Pubblica Veterinaria e la Nutrizione e la Sicurezza degli Alimenti del Ministero della Salute ha emesso una circolare in cui, in attesa di ulteriori approfondimenti, si richiede la sospensione in via cautelativa, della commercializzazione in Italia di tali prodotti contenenti estratti provenienti dalla Cimicifuga racemosa, in quanto l’Agenzia Europea per la Valutazione dei Medicinali (EMEA) ha emesso il 18 luglio 2006 un comunicato che mette in guardia i consumatori e gli operatori sanitari sui possibili rischi collegati all’uso di prodotti contenenti materiale estratto dalla pianta. Si è pertanto consigliata la sospensione di questo prodotto ai pazienti che attualmente lo stanno utilizzando e, in presenza di sintomi ricollegabili a danno epatico (senso di fatica ingiustificato, perdita dell’appetito, colore giallastro della cute e degli occhi, nausea e/o vomito, emissione di urine scure), si richiede il consulto immediato del proprio medico curante. Infatti ci sono state varie segnalazioni di casi di epatotossicità in pazienti che hanno fatto uso di Cimicifuga racemosa. La tossicità del farmaco è stata valutata mediante il riscontro di una relazione temporale tra assunzione dei prodotti a base di Cimicifuga racemosa e comparsa della reazione epatotossica (casi di epatite autoimmune, o di danno epatico cellulare oppure, in casi estremi e gravi, di insufficienza epatica fulminante). Per ottenere la normalizzazione dei tests epatici dopo una intossicazione acuta da farmaci è necessario attendere alcune settimane, a volte anche mesi, dalla sospensione stessa. L’uso del transmetil, sebbene non sia indispensabile, può comunque essere di aiuto. L’alimentazione da seguire è essenzialmente regolare con l’esclusione assoluta delle bevande alcoliche.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!