01-03-2004

Vorrei cortesemente porvi il quesito in relazione

Vorrei cortesemente porvi il quesito in relazione alla situazione di mio padre che ha 68 anni con un tumore al Retto e metastasi a dx e sx nel fegato. Dopo numerose sedute di Chemioterapia siamo arrivati a sapere che ha qualche mese di vita se non settimane essendosi curato alla clinica Cellini di Torino e dalla opinione dei professori che ci lavorano i quali sostengono che sia la migliore per questo genere; vorrei farvi la domanda, sebbene non abbiate un quadro CLINICO sottomano, se veramente è opportuno rivolgersi ad un chirurgo o ad un centro specializzato che abbia tecniche piu innovative o altre soluzioni chirurgiche. dalle parole dei medici il fegato di mio padre starebbe lavorando al 30%, prende la pastiglia per la pressione e perde kili in continuazione. i medici dicono che sottoporre ad una persona di quell'eta un intervento chirurgico potrebbe essere letale. lui fa di tutto per non poter mangiare cose troppo solide o che possano ostruire il retto visto che ha problemi di defecazione. spero in una vostra risposta anche se come ho detto ho fatto un quadro clinico non molto appropriato ripeto solo quello che dicono i professori. ringrazio anticipatamente sperando in una vostra risposta.
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
Purtroppo, come lei ha già anticipatamente previsto, è impossibile rispondere al suo quesito senza essere a conoscenza dei dati clinici. Tuttavia, una malattia tumorale che abbia già manifestato segni di metastasi, rende assai difficile ipotizzare possibilità terapeutiche che possano essere effettivamente di aiuto.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!