Vorrei sapere se davvero la "rosuvastatina" ha la capacità di ridurre le placche arteriose già formatesi oppure, come sostiene il nostro cardiologo, in realtà sia una manovra pubblicitaria delle case farmaceutiche. Nel caso avvaloraste la prima IPOTESI in quale dosaggio andrebbe assunta? Grazie.