10 cose da sapere sulla pressione alta

10 cose da sapere sulla pressione alta

Circa il 30% delle persone in età adulta soffre di pressione alta, di cui si distinguono due forme: primitiva o secondaria.
In questo articolo:

Definizione della pressione arteriosa (PA)

Si tratta essenzialmente di una funzione della portata cardiaca (PC: quantità di sangue espulsa dal ventricolo sinistro in un minuto) e delle resistenze periferiche (RP); l’aumento di una o di entrambe le componenti determina incremento della pressione. Si può esprimere con PA = PC x RP e si distingue:

  • pressione arteriosa sistolica (PAS) o massima: rappresenta il valore della massima pressione che si ha nell’albero arterioso durante la contrazione cardiaca (sistole);
  • pressione arteriosa diastolica (PAD) o minima: rappresenta il valore della minima pressione del sangue entro le arterie quando il muscolo cardiaco si rilascia (diastole).

Recentemente le “Linee Guida” hanno ri-definito verso il basso i valori pressori (categorie pressorie):

CATEGORIA PRESSORIA PRESSIONE ARTERIOSA SISTOLICA                PRESSIONE ARTERIOSA DIASTOLICA
       
Normale ≤119 mm Hg e ≤79 mm Hg
Elevata 120-129 mm Hg e ≤79 mm Hg
Ipertensione Grado 1° 130-139 mm Hg o 80-89 mm Hg
Ipertensione Grado 2° ≥140 mm Hg o ≥90 mm Hg

 

Misurazione della pressione arteriosa

Il soggetto viene fatto sdraiare (clinostatismo) oppure posto in posizione seduta o in piedi (ortostatismo); in tutti i casi si deve trovare in una posizione comoda e procedere alla misurazione dopo circa 2-4 minuti. Il bracciale dell'apparecchio (apparecchi ibridi che hanno due funzioni di cui una con colonna digitale ed un’altra oscillometrica, semiautomatici o automatici) si pone intorno ad un braccio rilassato, disteso e libero da indumenti, senza stringerlo eccessivamente e si mette la membrana del fonendoscopio a livello della piega del gomito (passa l'arteria omerale). Pompando l'aria (assicurarsi che la vite della valvola sia chiusa), si fa salire rapidamente la pressione nel manicotto e quindi nella scala graduata, fino a che non scompaiono le pulsazioni.

A questo punto si apre la valvola e si fa fuoriuscire l'aria sino a quando si percepiscono dei battiti (pressione sistolica), si continua a mantenere aperta la valvola sino a quando i toni diventano deboli, per poi scomparire del tutto (pressione diastolica). Si può rilevare con un apposito apparecchio automatico la pressione nelle 24 ore. Si definisce ipertensione da camice bianco quando è elevata nel solo ambiente medico. Viene chiamata ipertensione domiciliare quando la pressione è alta a casa propria o in altre sedi, ma non dal medico.

Ipertensione arteriosa primitiva e secondaria

Colpisce circa il 30% delle persone in età adulta; questa percentuale sale al 50% circa nella senescenza. Può essere primitiva (80-85% circa) o secondaria (5-20% circa). Nell'ipertensione arteriosa essenziale o primitiva non viene riconosciuta una causa; nell’ipertensione secondaria è riconoscibile una causa ed i valori pressori aumentati rappresentano il sintomo di una malattia (ipertensione reno-vascolare, ipertensione da malattie renali, ipertensione da iperaldosteronismo primitivo, sindrome di Conn, ipertensione da contraccetivi orali, ecc.).

Variabilità della pressione arteriosa

È stata molto studiata e costituisce un fenomeno del tutto normale nel normoteso e nell’iperteso. Nel corso di una giornata i valori pressori possono variare tra 10-30 mmHg. La variabilità può essere distinta a breve termine (indotta dalla respirazione o dalla frequenza cardiaca), diurna (influenzata da attività psico-fisiche) e notturna (si riduce).

Pressione nei bambini e negli adolescenti

La pressione varia in rapporto agli indici di maturazione (età, peso, altezza, pubertà, ecc.).  Per i valori pressori nell’infanzia si fa riferimento a tavole percentili che indicano per quell'età la pressione corrispondente; queste tavole dovrebbero essere elaborate per ogni popolazione. I figli di ipertesi presentano una pressione più elevata rispetto ai figli di normotesi.

Ipertensione nell'anziano

Nell'anziano (>65 anni) prevale la pressione sistolica, i cui valori in genere superano 160-180 mmHg, mentre quella diastolica è poco elevata, normale o più bassa (aumento della pressione differenziale). Si tratta di una pressione legata all’aterosclerosi che produce una diminuita elasticità dell'aorta e delle arterie di grosso calibro. Il soggetto anziano può essere portatore di un’ipertensione secondaria.

Studio del paziente iperteso

Dopo che più misurazioni della pressione arteriosa hanno stabilito lo stato ipertensivo, è opportuno studiare il soggetto (anamnesi, esame obiettivo, analisi di laboratorio e strumentali). Si possono così evidenziare eventuali complicanze a livello di encefalo, retina, cuore e coronarie, reni e vasi arteriosi.

Al termine della visita il paziente deve essere consapevole che l'ipertensione non induce disturbi, ma può produrre problemi nel corso degli anni e che tali complicanze possono essere evitate o limitate soltanto con appropriate e continue terapie igienico-alimentari e, se necessario, farmacologiche. Il paziente si dovrà sottoporre periodicamente ad esami di laboratorio e/o strumentali e al controllo pressorio.

Valori pressori elevati: cosa fare?

Quando una persona apprende di essere ipertesa è opportuno ricordarsi di:

  • non “preoccuparsi”, non vivere una situazione di ansia ed evitare di “sentirsi poco liberi” in quanto malati, perché si è affetti non da una forma morbosa, ma da un fattore di rischio che non manifesta disturbi e che, solo se non opportunamente trattato, potrà produrre un danno cardiovascolare;
  • mantenere la stessa qualità di vita rispetto a quando non si era a conoscenza dei valori pressori elevati.

Consigli igienico-alimentari per un iperteso

Alcuni consigli igienico-alimentari per un iperteso, che spesso è portatore di altri fattori di rischio cardiovascolare (alterazione dei grassi, fumo, diabete del 2° tipo, iperuricemia, ecc.).

Da evitare:

  • Carni rosse, di vitella, uova, latte grasso, formaggi, latticini.
  • Zuccheri semplici (caramelle, miele, marmellate, zucchero, bevande zuccherate).
  • Eccesso calorico (>2500 calorie al giorno).
  • Aggiunta di sale a tavola.
  • Cibi ricchi di sale (dado da brodo, cibi conservati, craker, ecc.)
  • Condimenti animali (burro, strutto, lardo, panna, pancetta, ecc.).
  • Consumo giornaliero di oltre 300 ml di vino.
  • Attività fisica non regolare e di tipo isometrico o statica.
  • Sedentarietà e fumo.
     

Da limitare

  • Il sodio con la dieta fino (4-6 g/die).
  • Ridotta introduzione di proteine nei soggetti con diminuita funzione renale.
  • Eccesso di frutta per la presenza di zuccheri semplici ( uva, fichi, banane, frutta secca, ecc.).
  • Caffè, tè.
  • Gelati artigianali di frutta.
  • Granite senza panna.
     

Da favorire:

  • Riduzione dell’apporto calorico e del peso.
  • Consumo di legumi, ortaggi, verdure.
  • Carboidrati complessi (pane, pasta, riso).
  • Consumo di pesce.
  • Consumo di animali da cortile (coniglio, tacchino, faraona e pollo).
  • Condimenti vegetali (olio extravergine di oliva) e pomodoro.
  • Latte e yogurt magri.
  • L’attività fisica deve essere dinamica o isotonica, dove tutto il corpo si muove impegnando molti muscoli.

Cenni di terapia antiipertensiva

Se dopo un ragionevole periodo di provvedimenti igienico-alimentari, la pressione dovesse rimanere elevata è opportuno iniziare, su consiglio del medico, un trattamento farmacologico. I farmaci possono essere suddivisi in sei classi (diuretici, beta-bloccanti, calcio-antagonisti, ACE-inibitori, antagonisti dei recettori dell’angiotensina II, alfa-litici). I meccanismi, con cui i farmaci di ogni classe riducono i valori pressori sono diversi, ma tutti inducono vasodilatazione.

Mediamente l’assunzione di una sostanza antiipertensiva riduce dopo circa 10-15 giorni la pressione diastolica di circa 10 mmHg e la combinazione con più sostanze aumenta tale percentuale. Il trattamento va effettuato con piccole dosi di più prodotti, utilizzando più azioni che inducono un effetto addizionale o sinergico e/o correttivo e per limitare eventuali effetti collaterali.

Cerca un medico nella tua città
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Ipertensione
Prov. di Milano
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Ipertensione
Napoli (NA)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Malattie dell'apparato respiratorio
Prov. di Parma
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare
Prov. di Verbano Cusio Ossola
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare
Prov. di Ascoli Piceno
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Medicina interna
Ancona (AN)
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Anestesia e rianimazione
Prov. di Bologna
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Cardiologia
Sanremo (IM)
Specialista in Cardiologia interventistica e Malattie dell'apparato cardiovascolare
Bari (BA)
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Medicina interna
Roma (RM)