Esame diagnostico di secondo livello, viene eseguito dal ginecologo colposcopista in seguito al riscontro , tramite Pap test, di anomalie della vagina o della portio uterina. Esso consente l'identificazione anche di lesioni minime e permette di determinare la terapia d'intervento.