Depressione

Condizione psichiatrica con riduzione del tono dell'umore e sentimenti di avvilimento, dolore, perdita di speranza, melanconia, senso di tristezza diffuso e conseguente astenia, perdita di fiducia in se stessi e di interesse nei confronti di ogni cosa. Sono frequenti anche i disturbi del sonno, dell'appetito e vi possono essere tendenze al suicidio. Esistono forme di depressione causate anche da squilibri ormonali.
 

Cosa succede al cervello quando si soffre di depressione

Il cervello è formato da milioni di cellule nervose interconnesse, dette neuroni. I neuroni, comunicando fra di loro, consentono alle persone di pensare, muoversi o sentire. Per fare questo, i neuroni inviano e ricevono dei messaggeri chimici detti neurotrasmettitori. Quando un neurotrasmettitore viene rilasciato da un neurone, attraversa uno spazio chiamato sinapsi e si lega al recettore di un altro neurone, trasmettendogli così il segnale. A differenza della tristezza o anche della disperazione, la depressione è una condizione in cui una persona sente un'infelicità irresistibile e debilitante. Le persone depresse possono avere problemi nel pensare lucidamente e nello svolgere le attività di tutti i giorni. Possono non avere interesse a mangiare e presentare disturbi del sonno o, viceversa, eccedere con il cibo o il sonno. Inoltre, possono avere pensieri suicidi. Sebbene la depressione possa essere scatenata da un evento con un forte impatto emotivo, essa ha una causa biologica, riconducibile alla riduzione dei livelli di un tipo di neurotrasmettitore: la serotonina. Ci sono molte forme di depressione. Pertanto, è importante che una persona che presenta sintomi depressivi vada da un medico, per consentire una diagnosi accurata e la prescrizione della terapia più appropriata.