Leucemia linfocitica cronica

Nella parte cava delle ossa c'è un nucleo spugnoso chiamato midollo osseo, dove vengono prodotte le cellule staminali. Le cellule staminali sono cellule immature che si possono trasformare in vari componenti del sangue: i globuli rossi, che trasportano l'ossigeno al corpo; i globuli bianchi, tra cui i linfociti, che combattono le infezioni; le piastrine, che aiutano il processo di coagulazione del sangue.La leucemia linfocitica cronica (CLL) è un tipo di tumore in cui il midollo osseo produce un'eccessiva quantità di linfociti. Il termine 'cronico' significa che le cellule tumorali si moltiplicano lentamente e la malattia impiega molto tempo per svilupparsi. Nella leucemia linfocitica cronica, i linfociti prodotti sono anormali e non sono in grado di combattere le infezioni. In seguito all'aumento di questi linfociti anomali nel sangue e nel midollo osseo, vengono prodotti meno globuli bianchi, globuli rossi e piastrine sane. Tale condizione provoca sintomi come stanchezza, infezioni ricorrenti, anemia e formazione di ematomi.In genere, la leucemia linfocitica cronica, nelle fasi iniziali, non provoca sintomi. Il trattamento e la prognosi della malattia dipendono dallo stadio e dalla sua gravità. Il tipico approccio terapeutico comprende un'attesa vigile, la chemioterapia, la terapia radiante, la chirurgia e la terapia con anticorpi monoclonali. Il trapianto di cellule staminali da midollo osseo è un altro tipo di cura in corso di studio e sperimentazione. La leucemia linfocitica cronica è la seconda più frequente leucemia tra gli adulti e molto spesso compare nelle persone di mezza età, mentre non è comune nei bambini.Il medico è la miglior fonte di informazioni per quanto riguarda la cura della malattia. E' importante consultarsi con lui su quale sia la terapia più appropriata.