Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

Linfoma di Non-Hodgkin

Cancro dei linfociti B localizzato in determinate parti del corpo: midollo osseo, fegato, cervello, stomaco, linfonodi. È un tumore che si manifesta tipicamente nei malati di AIDS.
 

Linfoma di Non-Hodgkin: eziologia e terapie

Il sistema linfatico fa parte dell'apparato immunitario del corpo e ha la funzione di combattere le malattie. Tutti i linfonodi sono collegati tra loro da una rete di vasi linfatici. La linfa è un fluido presente all'interno del sistema linfatico che contiene i linfociti, i globuli bianchi con il compito di combattere le infezioni. Nei linfonodi, i batteri e le altre sostanze pericolose vengono filtrate dalla linfa prima che ritorni nel sangue. Le cellule B e le cellule T sono due tipi di linfociti. Le cellule B aiutano il sistema immunitario producendo anticorpi, che combattono le infezioni. Le cellule T servono a regolare il sistema immunitario e a combattere le infezioni. Il linfoma non Hodgkin è un tumore che si sviluppa nei linfociti. I tipi più importanti di linfoma non Hodgkin sono classificati in base al tipo di linfociti colpiti. Vi sono: il linfoma a cellule B, che è il più comune, e il linfoma a cellule T. Il tumore dei linfociti interferisce con i naturali meccanismi immunitari, rendendo il corpo incapace di combattere le infezioni e permettendo ai batteri, ai virus e ad altri agenti patogeni, di avere la meglio sull'organismo. In questa situazione, dei banali organismi patogeni con cui si viene a contatto quotidianamente e che in genere non creano problemi, possono essere debilitanti per l'organismo e, talvolta, mettere a rischio la vita stessa. Poichè i linfociti circolano attraverso il sistema linfatico, questo tumore può diffondersi ad altri organi del corpo, alterandone il funzionamento. I sintomi del linfoma non Hodgkin comprendono un ingrossamento dei linfonodi, febbre, sudorazione notturna, senso di freddo, stanchezza, perdita di peso immotivata e gonfiore al viso. I linfomi non Hodgkin possono essere tumori aggressivi, a rapida crescita e diffusione, e accompagnati da sintomi severi, oppure essere indolori, a sviluppo lento e con pochi sintomi. La terapia dipende dallo stadio e dal tipo di linfoma. Il trattamento standard comprende la radioterapia e la chemioterapia, mentre i trattamenti sperimentali comprendono la terapia ormonale e alte dosi di chemioterapia associate al trapianto di cellule staminali. La maggior parte dei pazienti con linfoma non Hodgkin può ottenere dei miglioramenti con le terapie. Per molti pazienti si ha una guarigione completa, mentre per altri si può ottenere un miglioramento dei sintomi e un allungamento dell'aspettativa di vita.