Intolleranze alimentari: perché è sconsigliabile la contraccezione vaginale?

La somministrazione per via vaginale è un ottimo metodo contraccettivo. È sconsigliata, invece, in alcune particolari condizioni.

Intervista alla Prof.ssa Alessandra Graziottin, Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica dell’Ospedale San Raffaele Resnati di Milano.

Per chi, è perché, la via vaginale è da sconsigliare in questi casi?
L'anello contraccettivo è un ottimo metodo purché la donna non soffra di sindrome del Colon irritabile, non soffra di intolleranze alimentari o di Candida recidivante. In tutti questi casi la somministrazione per via vaginale degli estrogeni contraccettivi comporta un aumentato rischio di Infezione e, in particolare, di candide. Per cui è meglio, in questi casi, scegliere un'altra via di somministrazione. Quando le donne non hanno queste vulnerabilità resta un metodo eccellente.

Guarda le altre interviste sul canale Videum di paginemediche.it

Cerca un medico nella tua città
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Pescara (PE)
Specialista in Allergologia e immunologia clinica e Dermatologia e venereologia
Messina (ME)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Pompei (NA)
Specialista in Ginecologia e ostetricia e Oncologia
Carrara (MS)
Specialista in Urologia e Allergologia e immunologia clinica
Montevarchi (AR)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Ginecologia e ostetricia e Ostetrica
Viterbo (VT)
Specialista in Pediatria e Allergologia e immunologia clinica
Bergamo (BG)
Specialista in Allergologia e immunologia clinica
Roma (RM)
Specialista in Pneumologia e Allergologia e immunologia clinica
Roma (RM)
Specialista in Ginecologia e ostetricia e Medicina estetica
Napoli (NA)