Estate: 7 bombe caloriche da evitare

estate 7 bombe caloriche da evitare
MFL MFL

 

In estate aumentano le occasioni per trasformare il pasto in un momento conviviale, magari da vivere all’aperto insieme agli amici.

Il barbecue è, ad esempio, un must dell’estate, ma si rischia di mettere sulla griglia, con troppa leggerezza, delle vere e proprie bombe caloriche; così come aumentano le occasioni per gustare un aperitivo con gli amici all’insegna di drink alcolici e salatini o per trasformare una merenda all’aperto in un attentato alla linea.

Vediamo quali alimenti sono da evitare:

  • carni ad alto contenuto di grassi: una bistecca può contenere fino a 1540 calorie e 124 grammi di grassi, un cheeseburger 750 calorie e 45 grammi di grasso. Meglio evitare la carne di maiale e preferire petto di pollo o filetto;
  • hot dog e salsicce: sono molto saporiti, è vero, ma molto grassi e soprattutto ricchi di sodio. Basti pensare che un hot dog può contenere 280 calorie, 15 grammi di grassi e 1250 mg di sodio;
  • salse: maionese, ketchup e altre salse sono un vero attentato alla linea. Per tagliare le calorie preferite la maionese leggera oppure preparate una salsa allo yogurt magro;
  • bevande alcoliche: nei momenti conviviali l’alcol può andar giù in fretta. E i drink alcolici non solo fanno male alla salute, ma sono un vero concentrato di calorie. Meglio il vino o una drink alla frutta;
  • drink dissetanti: un tè, i succhi di frutta, i frullati, sono sicuramente dissetanti ma anche ricchi di Zuccheri. Meglio allungare con acqua e farne un uso moderato;
  • gelati: una coppa di gelato alla frutta può contenere 380 calorie e 22 grammi di grasso. Ma i gelati con biscotti o cioccolato possono superare le 700 calorie, quindi attenzione al tipo di gelato che scegliamo e preferiamo sorbetti alla frutta o piccole coppette alla frutta;
  • snack: patatine fritte, salatini, noccioline. In estate le occasioni per un aperitivo con annessi stuzzichini aumentano e con esse anche l’apporto calorico. Meglio uno spuntino alla frutta, popcorn senza grassi. E se proprio non se ne può fare a meno, limitarsi ad una manciata di salatini.

 

Il punto di vista
Dietistica

In estate, con l’aumentare del caldo, il nostro dispendio energetico diminuisce. L’organismo, infatti, ha bisogno di meno energia per mantenere la temperatura corporea, inoltre nelle giornate afose e di forte calura siamo spesso fiacchi e poco motivati a fare attività fisica.

In questo caso le ore migliori per praticare sport all’aperto sono le più fresche e quindi il mattino presto o la sera. Anche la nostra alimentazione deve adeguarsi e il nostro organismo ci manda dei segnali che noi spesso ignoriamo o interpretiamo in modo scorretto.

Primo tra tutti c’è un aumento del fabbisogno idrico quotidiano, perché con l’aumentare della sudorazione i liquidi persi sono maggiori, spesso però invece di reintegrare con semplice acqua siamo tentati da bevande zuccherate, quindi ipercaloriche, che ci tolgono la sete solo momentaneamente e che dopo poco tempo ci inducono a berne delle altre.

Peggio ancora assumere bevande alcooliche che, oltre a non dissetarci, sono ancor più deleterie perché l’alcool oltre ad essere molto calorico aumenta la sudorazione provocando una disidratazione maggiore.

Via libera invece ad acqua, frutta e verdura. La frutta estiva anche se molto zuccherina è anche ricca di acqua e sali minerali, tutto ciò che serve ad una persona e maggiormente ad uno sportivo se ha sudato molto. Preferiamo quindi come spuntini delle macedonie o al limite un gelato alla frutta, preferibilmente senza panna. Per quanto riguarda i pasti principali, se non si vuole rinunciare al barbecue, approfittiamone con la possibile vicinanza al mare per mettere sulla griglia del buon pesce fresco, condito con poco olio di oliva extravergine rigorosamente a crudo, da accompagnare a della verdura, naturalmente sempre di stagione.

Ma anche i primi non vanno disprezzati, se ne può approfittare per preparare quei piatti freddi, che ci permettono anche la comodità, una volta preparati, di consumarli in spiaggia, in barca o laddove abbiamo deciso di pranzare. Insalate di orzo, farro, miglio, ma anche sorgo, quinoa e amaranto, meno conosciuti ma buonissimi da gustare con pomodori e verdura a piacere, magari assieme a dei legumi, anche in questo caso con un poco di olio extravergine di oliva a crudo.

Infine, per quanto riguarda gli sportivi, fate attenzione all’assunzione di bevande energetiche come integratori, sudare di più non vuol dire spendere maggiore energia, l’unica vera integrazione di cui si ha sempre bisogno è l’acqua, arrivate al momento dell’allenamento già ben idratati e reintegrate ogni 15-20 minuti a piccoli sorsi, anche al termine dell’attività fisica.

06/06/2015
15/07/2013
TAG: Nutrizione | Scienza dell'alimentazione | Estate | Dieta