Musica, colori e suoni della natura: le terapie alternative

musica colori e suoni della natura le terapie alternative
MFL MFL

Neonati prematuri, pazienti oncologici o affetti da Osteoartrite o artrite reumatoide, persone che soffrono di dolore cronico o che devono sottoporsi a procedure invasive e fastidiose: per loro la musica non è solo un piacevole passatempo, ma può diventare un efficace antidolorifico.

Sono ormai numerosi gli studi che, negli anni, hanno dimostrato l’efficacia della musicoterapia nel trattamento del dolore. Uno studio condotto presso la Cleveland Clinic Foundation qualche anno fa, ad esempio, dimostrò come la musicoterapia riuscisse a lenire l’esperienza del Dolore cronico in 60 pazienti affetti da osteoartrite e artrite reumatoide.

Sandra Siedlecki scoprì che i volontari che avevano ascoltato, per sei mesi, almeno un’ora di musica al giorno (scelta in base ai propri gusti personali) dichiaravano di avere una percezione del dolore inferiore rispetto a chi non aveva goduto della musica.

Ma perché la musica offre sollievo dal dolore? Secondo la studiosa statunitense perché produce, con il suo ritmo e i suoi intervalli, un’alternanza controllata tra eccitazione e rilassamento: una sequenza che favorisce il buonumore e distrae dal dolore.

Insomma la musica potrebbe rivelarsi un efficace palliativo per chi soffre di dolore cronico, ma, stando a un recentissimo studio condotto dai ricercatori della Johns Hopkins University e pubblicato sul Journal of Alternative and Complementary Medicine, anche i suoni provenienti dalla natura possono aiutare i pazienti che devono sottoporsi a piccoli interventi in anestesia locale o ad esami invasivi.

Lo studio, condotto su 120 pazienti che dovevano sottoporsi a prelievo dal midollo osseo o dall’osso dell’anca, ha mostrato come creare intorno al paziente un ambiente sonoro diverso da quello solito ospedaliero – arricchito, quindi, di suoni della natura come uno scroscio di cascata o il cinguettio degli uccellini – renderebbe la procedura dell’agoaspirato più sopportabile.

Ma le terapie alternative per la gestione del dolore sono davvero numerose.

Basti pensare che la cromoterapia viene spesso utilizzata per favorire uno stato di benessere e serenità. Scegliere i colori giusti per arredare la casa (o le camere di un ospedale) o per vestirsi sembra offrire una marcia in più per sentirsi in pace con se stessi e con il mondo.

Ma anche l’agopuntura sfrutta i benefici offerti dai colori: la cromoterapia puntiforme, ad esempio, usa i raggi di luce colorata al posto degli aghi.

Per approfondire guarda anche: “La musica diventa Terapia, un'app cura l'acufene“

Leggi anche:
La Medicina narrativa è il tentativo di colmare le lacune della Medicina basata sull'evidenza col prendere in considerazione le testimonianze dei pazienti.
Il punto di vista
Medicina generale

L’argomento è sicuramente interessante o addirittura affascinante, e si colloca all’interno di una vasta serie di procedure cosiddette 'alternative', finalizzate al miglioramento della qualità della vita, inteso sia come benessere sia come guarigione.

L’alternatività si riferisce ovviamente all’assunzione dei farmaci, che vengono giustamente o ingiustamente ritenuti 'dannosi', possedendo accanto ad effetti indubbiamente benefici anche conseguenze negative, il cui peso talora sovrasta quello dei vantaggi.

Di fronte al 'pericolo' dei farmaci nasce quindi l’interesse per la musico-terapia, l’arte-terapia, la cromo-terapia, per arrivare alle pratiche tipiche della medicina orientale quali il tai chi o il qigong.

Tutte queste procedure possiedono realmente efficacia terapeutica, e se sì in quali indicazioni?

Difficile rispondere ad una domanda simile. Per limitarci alla sola musico-terapia sappiamo per esperienza diretta che ascoltare una musica particolarmente rilassante (ad esempio la musica 'New Age') ci aiuta a stare meglio, prevalentemente in senso psicologico.

L’umore viene modificato in senso positivo dall’ascolto di una musica gradita, così come viene disturbato dai semplici rumori, tanto più se sgradevoli; dal momento che l’umore è una componente fondamentale di un essere umano, non c’è da stupirsi se sia in grado di influenzare anche alcuni processi fisici.

Sia chiaro che non tutta la musica ottiene questi risultati, ma gli studi fatti (prevalentemente di tipo osservazionale e quindi con grosse limitazioni metodologiche) pongono l’accento sull’efficacia di una musica 'gradita' all’ascoltatore; e quindi la terapia dipenderebbe in massima parte dal substrato culturale e sociale del soggetto che ascolta: uno studio recente (ottobre 2010) pubblicato sull’International Journal of Palliative Nursing ha dimostrato che in Tanzania l’ascolto di musica cantata corale tradizionale (il tipo di musica che si ascolta prevalentemente in quello Stato) migliora gli outcome nei pazienti neoplastici terminali in terapia palliativa, mentre un altro studio pubblicato nel settembre 2010 sul Pain Management Nursing ha dimostrato un miglioramento delle crisi dolorose in pazienti dementi.

Gli studi di tipo osservazionale sono criticabili per molti aspetti, ma indubbiamente il loro numero aumenta in continuazione, parallelamente all’interesse crescente delle popolazioni occidentali per queste tecniche 'alternative'.

Non si tratta certo di scoperte sconvolgenti: in molte stalle modello viene diffusa musica classica per migliorare la produzione di latte, e sarebbe stolto non ammettere che la musica, come d’altro canto anche il tempo meteorologico, sia in grado di influenzare lo stato d’animo.

Il dolore, poi, è una sensazione che viene trasmessa al sistema nervoso centrale, ed a volte nasce direttamente al suo interno (si pensi al terribile dolore talamico). Ma il sistema nervoso centrale, con l’ippocampo, è anche la sede dei sentimenti e dello stato d’animo di un essere umano: è quindi ovvio che tutto quanto interferisca positivamente con le emozioni ed i sentimenti sia in grado di ridurre la percezione dolorosa (la medicina scientifica si sta occupando, ad esempio, dell’uso dei derivati della cannabis proprio in questa indicazioni particolare).

Se una sinfonia di Mozart o un canto Zulu o un brano del teatro del No riescono a diminuire il dolore di un europeo o di un africano o di un giapponese, ben venga l’utilizzo di un metodo non tradizionale: lo scopo della medicina è quello di alleviare le sofferenze, e l’armamentario del terapeuta può e deve arricchirsi di ogni mezzo lecito per ottenerlo. L’unica, grossa pecca è data dal fatto che gli studi in doppio cieco randomizzato (gli unici ad avere validità scientifica inoppugnabile) su questo specifico argomento siano molto scarsi.

Ma questo è il destino di quasi tutte le pratiche alternative.

06/06/2017
20/12/2010
TAG: Medicina alternativa (agopuntura, omeopatia...) | Medicina del dolore