Ribellarsi o conformarsi alla società?

ribellarsi o conformarsi alla societa
MFL MFL

Ribelli o conformisti? Decidere da che parte stare è una libera scelta, influenzata anche da certi condizionamenti, oppure è un destino già scritto nel nostro DNA?

Se lo sono chiesto alcuni studiosi della New York University, della Aarhus University danese e del Wellcome Trust Centre of Neuroimaging dell'University College di Londra che hanno condotto uno studio per indagare sulla questione.

L’esperimento ha coinvolto 28 volontari: gli scienziati, guidati da Daniel Campbell-Meiklejohn, hanno letteralmente misurato il cervello dei volontari attraverso una particolare tecnica chiama morfometria, i cui risultati sono stati rielaborati insieme ad immagini tridimensionali ottenute grazie alla risonanza magnetica.

I ricercatori hanno, poi, analizzato la personale predisposizione di ciascun individuo coinvolto nella ricerca ad adattarsi alle opinioni altrui chiedendo ai partecipanti di giudicare 20 canzoni prima e dopo aver ascoltato le valutazioni espresse da critici musicali.

I risultati dell’esperimento, pubblicati su Current Biology, hanno mostrato non soltanto che il conformismo sociale sarebbe direttamente collegato al volume di materia grigia ubicata nella corteccia orbitofrontale laterale di entrambi gli emisferi cerebrali, ma anche che le dimensioni dell’aerea presa in considerazione condiziona anche le reazioni dei soggetti alle critiche espresse da qualcun altro nei confronti dei loro giudizi.

I ricercatori, quindi, spiegano che quanto scoperto potrebbe suggerire che la zona del cervello collegata al conformismo avrebbe un ruolo importante anche nella fase di gestione dei conflitti sociali.

Lo studio è interessante anche nell’ottica di analizzare meglio i cambiamenti della personalità o del modo di interazione sociale che si verificano in persone che hanno subito un danno nell’area cerebrale analizzata in questa ricerca.

Il punto di vista
Neurologia

Sappiamo che l'assetto comportamentale dell'homo sapiens è altamente influenzato da un retaggio 'istintivo', in cui grossolanamente possiamo riconoscere il ruolo di strutture enecefaliche 'antiche', come i lobi olfattivi e le connessioni che questi ultimi contraggono con aree funzionali coinvolte con il comportamento nutrizionale, con i processi mnesici e con le reazioni neurovegetative associate ai comportamenti difensivi (attacco e/o fuga).

In realtà l'attivazione di queste aree, che anatomicamente contraggono rapporti di maggiore o minore contiguità con le altre (tanto da parlare in genere di 'circuiti', come il cosiddetto circuito limbico o l'anello di Papez), non corrisponde affatto ad un modello stereotipato di 'accensione', come può essere immaginato pensando ad un circuito elettronico come un televisore o un computer.

Il cervello è un'entità che dispone di una connettività intrinseca globale, pur mantenendo una precisa disposizione delle vie di comunicazione che connettono diverse aree anatomicamente distinguibili; in altre parole le strade sono quelle, ma i percorsi degli automobilisti sono in buona parte imprevedibili. Almeno, questo è quello che emerge dai più recenti studi di neuroanatomia funzionale impiegati nel corso di diversi tests psico-comportamentali.

Lo studio in oggetto non fa che trovare una correlazione morfometrica tra alcune aree particolarmente implicate nella fenomenologia dei comportamenti sociali tra mammiferi (ossia comuni ai nostri lontani cugini che utilizzano l'olfatto come principale via di comunicazione tra individui) e alcune caratteristiche tendenziali che, assai faticosamente, possono essere individuate nel comportamento sociale umano, come appunto la 'remissività' o la 'ribellione'.

I passaggi logico-dimostrativi sono tanto 'intriganti' quanto privi di possibili implicazioni dirette; anzitutto bisogna stabilire che una differenza di volume di un'area cerebrale  tra due gruppi sia espressione di una differente struttura alla nascita piuttosto che di un processo di ipertrofia adattativa (una volta si pensava che, in virtù delle caratteristiche intrinseche dei neuroni, che non si replicano in età extrauterina, la distribuzione volumentrica delle diverse aree del cervello fosse determinata solo dai geni, oggi sappiamo che non è così), poi bisognerebbe stabilire che tutti coloro che presentano un dato assetto comportamentale abbiano un tot di sviluppo dell'area orbito-frontale rispetto al gruppo di confronto.

Su quest'ultimo aspetto entra in gioco un'altra 'bestia nera' del moderno metodo scientifico applicato alle scienze bio-mediche: la statistica. A rischio di essere brutalmente smentito, non conosco alcuno studio clinico (cioè compiuto su soggetti viventi) in cui i risultati di un esperimento diano luogo ad una conferma al 100% di un'ipotesi: tutti e cinquanta i soggetti a cui ho somministrato il farmaco A hanno sviluppato il fenomeno X e nessuno dei 50 a cui ho somministrato il farmaco B ha sviluppato il fenomeno X.

Di fronte a quest'estrema variabilità tra ipotesi e risultati, la ricerca biomedica chiede supporto alla statistica, cioè alle scienze probabilistiche. Quindi lo studio che sto commentando non dice che "tutti quelli che hanno un certo sviluppo del lobo orbito-frontale sono remissivi o ribelli, bensì che la presenza di un certo sviluppo del lobo orbito-frontale potrebbe probabilisticamente associarsi al fatto di essere un po' più ribelli o remissivi".

Capisco che usare il virgolettato di cui sopra non sarebbe un buon esempio di comunicazione giornalistica efficace e diretta. Però, con tutto il rispetto verso le buone intenzioni e la professionalità di ricercatori e giornalisti scientifici, mi sento di esprimere una preoccupazione circa il fenomeno socio-culturale che ho cercato di esporre: attenzione a queste semplificazioni, ovvero al voler portare forzatamente delle relazioni di causa ed effetto nell'osservazione dei comportamenti umani.

Ho ascoltato distrattamente una notizia alla radio, qualche giorno fa: i ricercatori di un istituto di ricerca dell'Arizona hanno trovato una sostanza nel sangue che permette di individuare i criminali all'età di due anni di vita. Ho pensato immediatamente, e con spavento, a brutti precedenti già vissuti nella storia recente dell'umanità, e forse un po' troppo presto già dimenticati.

Per approfondire leggi la scheda.

06/06/2015
19/03/2012
TAG: Neurologia | Malattie neurologiche e psichiatriche | Malattie neurologiche