I supermercati sono fonte di tentazione per tutti i golosi.

In pochi secondi si può passare dal reparto dolci al reparto surgelati, non dimenticando sughi, pasta e quant’altro. Insomma un vero e proprio attentato alla salute.

E cosa succede in tempi di crisi economica? Aumenta il numero di persone che si abbandona a spese folli per fare il pieno di offerte  - come le famose ‘paghi 2 e prendi 3’ – e di mega confezioni a prezzi bassissimi.

Ma secondo un recente studio neozelandese, pubblicato su Nutrition & Dietetics, raramente i prodotti in offerta sono sani.

Basta notare le offerte sugli scaffali dei supermercati: biscotti, dolci, gelati, patatine e bibite gasate o zuccherate.

Raramente latte e prodotti dimagranti sono in offerta o a prezzi ribassati.

Risultato? Le offerte al supermercato fanno male alla salute.

I prodotti acquistati sono prima di tutto ricchi di grassi e, altro fattore da non sottovalutare, le maxi offerte permettono di tenerne grosse quantità in casa; come dire chili di troppo e poca salute tra le mura domestiche, quando e quanto vuoi.

Tra i prodotti sotto accusa ci sono proprio le bevande.

Analizzando 1.500 offerte in quattro supermercati differenti, i ricercatori hanno notato che solo il 15% delle bevande in offerta può definirsi ‘salutare’.

Facendo una rapida analisi del contenuto di grassi, Zuccheri e calorie la maggior parte delle bevande in offerta costituiscono, invece, un pericolo serio per la salute, anche a causa delle grandi quantità in cui vengono consumate.

E in Italia? La situazione è molto simile. I medici da sempre consigliano di andare a fare la spesa a Stomaco pieno, dopo aver mangiato e senza farsi tentare troppo.

Altra osservazione riguarda i cibi dei più piccoli: sono molto più ricchi di Zuccheri rispetto a quelli per adulti, per venire incontro ai gusti dei bambini e per creare dipendenza.

E anche in questo caso è bene non abbandonarsi ad acquisti facili e lasciarsi tentare dalle offerte.

Che fare quindi? Imparare a leggere le etichette dei prodotti per capire cosa contengono e in che quantità, in modo da riuscire ad acquistare i prodotti non solo in base al loro prezzo, ma anche in base all’effetto che può avere sulla nostra salute.