06 Febbraio 2007
|
2 minuti

Sindrome di Reye

La sindrome di Reye è una rara malattia pediatrica, il cui sintomo più evidente è il vomito costante associato a segni di disturbo mentale.

Cos'è


Malattia pediatrica recentemente scoperta, la Sindrome di Reye è una complicanza rara di comuni infezioni respiratorie in età pediatrica, compresa la Varicella.
Bisogna sospettare di una possibile sindrome di Reye quando il bambino comincia a vomitare dopo 3-7 giorni dall'inizio dell'influenza o della varicella. Di solito il Vomito diventa sempre più severo nell'arco di 8-12 ore. Quando c'è vomito persistente, che dura più di 12 ore successive ai 3-7 giorni dall'inizio dell'influenza o della varicella, il bambino deve effettuare esami che confermino la diagnosi di sindrome di Reye.
Se il vomito è associato a segni di disturbo mentale (stupore, delirio o comportamento strano) bisogna fargli effettuare immediatamente una visita medica. Di solito, se il bambino vomita il primo giorno di malattia, soprattutto quando vi è anche diarrea, non è affetto un sintomo della sindrome di Reye: è semplicemente una gastroenterite infettiva acuta.
Sebbene la sindrome di Reye può colpire in qualsiasi momento, è più frequente durante i mesi di gennaio, febbraio e marzo, associata all'influenza ed alle altre infezioni respiratorie. Circa un terzo dei casi di sindrome di Reye si presentano come complicanza della varicella, solitamente dopo 3-4 giorni dall'eruzione cutanea.
La sindrome di Reye è molto comune, soprattutto nei bambini in età scolare e negli adolescenti, ma ci sono anche casi verificatisi nell'infanzia, mentre la malattia è rara negli adulti. C'è una possibilità eccellente di guarire se la malattia viene diagnosticata e trattata presto, prima che il delirio ed il coma si siano sviluppati. I bambini a cui non viene posta velocemente una diagnosi possono cadere in coma e morire.

Sintomi


I segni più vistosi della sindrome di Reye sono, oltre al citato vomito persistente, le indicazioni di disturbi mentali (indebolimento e sonnolenza). In fase più avanzata, il bambino mostra cambiamenti di personalità (disorientamento e comportamento aggressivo), confusione, farfugliamento, delirio (in alcuni casi, gridando e agitandosi e non più in grado di riconoscere i genitori). Questo stadio corrisponde ad una fase di emergenza medica.

Diagnosi


La diagnosi di sindrome di Reye può essere effettuata combinando la storia di precedenti influenze e sintomi come vomito persistente, innalzamento del GPT sierico con bilirubina normale ed esclusione di meningite, encefalite,...
Quasi tutti i casi di sindrome di Reye presentano alte concentrazioni sieriche di alcuni enzimi epatici; uno di questi è il GPT. Quando si presenta un aumento di questo enzima, in associazione a vomito inspiegato, il bambino viene ricoverato in ospedale e trattato con terapie intravena. Si consiglia di non somministrare al bambino farmaci a base di acido acetilsalicilico, poiché potrebbero peggiorare la situazione, anche se ciò non è stato ancora provato.

Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Pediatria
Napoli (NA)
Specialista in Pediatria
Marciana Marina (LI)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Pediatria e Nefrologia
Cusano Milanino (MI)
Specialista in Pediatria e Pediatria e Neonatologia
Ripacandida (PZ)
Specialista in Pediatria e Malattie infettive
Bari (BA)
Specialista in Pediatria e Allergologia e immunologia clinica
Bergamo (BG)
Specialista in Pediatria
Canosa di Puglia (BT)
Specialista in Pediatria
Concordia Sagittaria (VE)
Specialista in Pediatria e Neuropsichiatria infantile
Prov. di Varese
Specialista in Pediatria e Gastroenterologia
Trapani (TP)