Ulcerazione degli arti inferiori


Le cause delle ulcerazioni agli arti inferiori possono essere molte: insufficienza venosa, arteriopatie, malattie connettivali, tumori.
Le insufficienze venose (vene varicose, pregresse trombosi venose) che insorgono spesso nella parte interna della gamba, intorno al malleolo, sono molto invalidanti, spesso ad andamento cronico, dolenti e causa di forte disagio per il paziente.

La causa è essenzialmente legata alla stasi venosa, che causa sofferenza della Cute portando ad edema, a continue microemorragie (dermatiti ocra), eczema, dermoipodermiti ed infine ulcera, spesso preceduta da un trauma di poco conto su una pelle già molto sottile.
Le ulcere tendono ad infettarsi e l'infezione ostacola la guarigione. Possono durare per mesi o anni. Quando non rispondono più alle terapie comuni (medicazioni, calza elastica, farmaci) si rendono necessarie alcune terapie rivolte alla cura della causa:

 

 

  • Terapia chirurgica delle varici;

  • legatura endoscopica dei perforanti;

  • plastica cutanea.

  • La terapia delle varici spesso è sufficiente a far guarire l'ulcera. Altre volte si deve ricorrere alla legatura endoscopica dei perforanti (s.e.p.s.) e in alcuni casi, per abbreviare e facilitare la guarigione si può ricorrere alla plastica cutanea, innestando dei lembi di cute prelevati da altre zone del corpo del paziente stesso. I rischi degli INTERVENTI sono minimi.

    La percentuale di guarigione è vicina al 100 % nei primi due mesi dopo l'intervento e si mantiene alta (assenza di recidiva) negli anni successivi (90% nei primi dieci anni), specie se si associano i vari tipi di intervento.

     

     

     

27/02/2015
06/02/2007
TAG: Chirurgia vascolare | Malattie della circolazione | Apparato circolatorio | Chirurgia