Roma, 16 mar (Adnkronos Salute) - Medicago, società biofarmaceutica canadese, e la britannica GlaxoSmithKline (Gsk) annunciano l'inizio dei test clinici di fase 3 sul candidato vaccino anti-Covid di origine vegetale di Medicago, in combinazione con l'adiuvante pandemico di Gsk. Medicago - si legge in una nota - ha ricevuto l'approvazione dalle autorità regolatorie canadesi e statunitensi per procedere con l'arruolamento di adulti sani nella parte di fase 3 dello studio sulla base di risultati intermedi positivi di fase 2.
"Siamo lieti di compiere il passo significativo dell'avvio della sperimentazione clinica di fase 3 in siti di tutto il mondo", ha affermato Takashi Nagao, Cep e presidente di Medicago. "Questo ci porta un passo avanti verso la fornitura di un nuovo importante vaccino Covid-19 e nel contributo alla lotta globale contro la pandemia insieme al nostro partner Gsk". "Questo avanzamento verso i test clinici di fase avanzata - commenta Thomas Breuer, Chief medical officer, Gsk Vaccines - rafforza ulteriormente la nostra fiducia nel potenziale del candidato vaccino adiuvato di fare la differenza nella lotta continua contro Covid-19. Non vediamo l'ora di condividere i risultati in corso d'anno".
Lo studio - dettaglia la nota - arruolerà fino a 30.000 soggetti inizialmente composti da adulti sani (dai 18 anni ai 65 anni), seguiti da adulti anziani (dai 65 anni in su) e adulti con comorbidità. La sperimentazione si svolgerà in 10 Paesi in attesa di approvazione normativa, a partire dal Canada e dagli Stati Uniti, e arruolerà maschi e femmine di popolazioni di etnie e razze diverse.
Il candidato vaccino di origine vegetale di Medicago - si legge in una nota - utilizza la tecnologia Coronavirus-Like-Particle (CoVLP) con il vaccino composto da glicoproteina ricombinante (S) espressa come particelle simili a virus (Vlp) co-somministrate con l'adiuvante pandemico di Gsk. Due dosi da 3,75 μg di CoVLP vengono somministrate a distanza di 21 giorni.
Il candidato vaccino, in combinazione con l'adiuvante pandemico, ha ottenuto la designazione Fast Track dalla Food and Drug Administration (Fda) statunitense il 17 febbraio 2021. La designazione Fast Track consente all'agenzia regolatoria Usa di accelerare lo sviluppo e la revisione di nuovi farmaci e vaccini destinati a trattare o prevenire condizioni gravi e affrontare un bisogno medico insoddisfatto.
"La decisione della Fda di concedere la designazione Fast Track per il candidato vaccino di Medicago ci aiuterà ad accelerare i nostri sforzi per portare sul mercato il primo vaccino COVID-19 derivato da piante, soggetto ad approvazione normativa", ha affermato Carolyn Finkle, Chief operating officer di Medicago. "Siamo grati alla Fda e non vediamo l'ora di continuare a lavorare con loro mentre procediamo con i nostri studi clinici, la domanda pianificata per l'autorizzazione all'uso di emergenza e l'eventuale processo di domanda di licenza del vaccino".