Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

Carbone vegetale, l'alleato per il benessere intestinale

carbone vegetale l alleato per il benessere intestinale
Mara Pitari
Scritto da:
Mara Pitari
Giornalista & web content editor

Stop a pancia gonfia e cattiva digestione con il carbone vegetale: un rimedio naturale in polvere o pastiglie, comodo da portare in borsa e da tenere in casa. Il carbone vegetale o “carbone attivo” è utile in caso di meteorismo ma anche di intossicazione, colite, alitosi, acidità di stomaco, diarrea, gastrite e mitiga gli effetti negativi dell’alcol.

Carbone vegetale per il benessere intestinale: di cosa si tratta

Il carbone vegetale a uso alimentare si ottiene dalla classica lavorazione del legname (pioppo, salice o altre varietà) riscaldato in atmosfera povera di ossigeno a temperature che raggiungono i 500/600°C.

Nell’industria farmaceutica, la polvere scura ottenuta viene utilizzata per i casi di avvelenamento, per esempio da funghi, cianuri e solventi organici perché è in grado di ridurre l'assorbimento delle sostanze ingerite. Più il materiale è poroso, più alta è la sua capacità assorbente anche una volta lavorato. Ma, al di là della funziona salvavita, è stato notato che il carbone è utile anche nei casi di meteorismo e diarrea, per questo si rivela molto efficace durante viaggi e vacanze per contrastare eventuali disordini intestinali.

Carbone vegetale: i benefici per l’intestino

In prima linea nei casi di emergenza da avvelenamento accidentale o volontario per il suo elevato potere assorbente di alimenti e sostanze tossiche, il carbone vegetale è un prezioso alleato dell’intestino.

Limita aerofagia e meteorismo trattenendo al suo interno i gas. Per questo motivo è tra i rimedi più efficaci contro il gonfiore addominale: appiattisce la pancia e riduce tensione e dolore. Spazziamo però via subito un dubbio: il carbone vegetale non fa dimagrire. Migliora cioè i processi digestivi e per questo fa sentire più leggeri, ma non agisce sulla massa grassa. In caso di diarrea da viaggio o da colon irritabile, il carbone attivo, compattando le feci, può aiutare a limitare gli effetti.

Se si soffre di reflusso e acidità di stomaco può dare sollievo trattenendo i succhi gastrici in eccesso. Una proprietà che gli conferisce anche un leggero potere antibatterico, per il quale ad esempio, è indicato anche in caso di alito cattivo.

Carbone vegetale per il benessere intestinale: controindicazioni

Il carbone vegetale è molto ben tollerato dall’organismo e non presenta particolari effetti collaterali. Esistono però delle controindicazioni alla sua assunzione. L’azione di questo integratore naturale può contrastare infatti con l’assorbimento dei principi attivi e dei nutrienti, per questo va assunto lontano dai pasti e da medicinali o integratori dei quali vanificherebbe l’azione. Bandita come sempre l’auto-prescrizione: è bene consultare il medico per ogni dubbio e per valutare eventuali interferenze.

Il carbone è da utilizzare inoltre per brevi periodi. Evitare l’uso prolungato, l’assunzione in gravidanza o allattamento in via precauzionale, e in caso di blocchi intestinali. Se ci sono appendicite o patologie occlusive di stomaco e intestino in corso, il carbone non va assolutamente utilizzato.

L’uso prolungato, sconsigliato, può determinare feci molto scure che però non rappresentano in questo caso un pericolo per la salute.

Per approfondire guarda anche: “Probiotici”

Leggi anche:
Un metabolismo lento può essere un deterrente per la perdita di peso. Ecco quali sono gli errori da non commettere.
15/06/2018
15/06/2018
TAG: Adulti | Apparato Digerente | Batteri | Disturbi gastrointestinali | Effetti Collaterali | Farmacologia | Gastroenterologia | Giovani | Infiammazioni | Microbiologia e virologia | Terapie | Tossicologia medica | Medicina alternativa (agopuntura, omeopatia...) | Stomaco | Medicina generale | Virus | Intestino
Mara Pitari
Scritto da:
Mara Pitari
Giornalista & web content editor