Logo Paginemediche
  • Programmi
  • Visite
  • Salute A-Z
  • Chi siamo
  • MediciMedici
  • AziendeAziende
Donatori di sangue, ancora troppo pochi i giovani
4 minuti di lettura

Donatori di sangue, ancora troppo pochi i giovani

Secondo i dati riportati dall'ISS, la percentuale di giovani sul numero totale di donatori è destinata a ridursi in maniera significativa.
Roma, 16 lug (AdnKronos Salute) - Sono oltre 1.700.000 i donatori di sangue italiani e il loro contributo al nostro sistema sanitario è fondamentale perché consente di garantire, su tutto il territorio nazionale, le terapie trasfusionali.
Oggi la maggioranza dei donatori ha tra i 30 ed i 55 anni, una componente destinata a ridursi in modo significativo nei prossimi decenni stando alle proiezioni demografiche.

La percentuale di giovani sul numero totale di donatori, nel 2015, si attesta al 31,67% (13,9% 18-25 anni, 18,28% 26-35 anni) ma è ancora troppo bassa. Se si considerano i dati sull’invecchiamento della popolazione, infatti, tra il 2009 e il 2020, la riduzione dei donatori è stimata nel 4,5%.
Sono alcuni dati del Report 2015 diffusi oggi all’Istituto superiore di Sanità, durante la giornata d’incontro "La vitale cultura del dono e il sistema sanitario in Italia" organizzata dal Centro nazionale Sangue in collaborazione con le associazioni e Federazioni dei volontari italiani del sangue, Avis, Croce Rossa, Fidas, Fratres, in occasione delle iniziative per la Giornata mondiale del donatore di sangue, che si è celebra ogni anno il 14 giugno.

Dunque "è necessario agire con consapevolezza di fronte a questa prospettiva per assicurare il ricambio generazionale", afferma Vincenzo Saturni, coordinatore protempore Civis (Coordinamento interassociativo volontari italiani sangue).
"Tutti gli attori del sistema sangue - continua - devono lavorare in sinergia in considerazione dalla rapida trasformazione demografica e sociale che è in atto nel nostro Paese. Una cultura del dono si esprime anche attraverso una attenta capacità di programmazione nazionale e locale delle attività di raccolta".
Nel 2015, indica il Report, in Italia sono stati prodotti 2.572.567 unità di globuli rossi, 276.410 di piastrine e 3.030.725 di Plasma. Sono stati trasfusi 8.510 emocomponenti al giorno e curati 635.690 pazienti (1.741 al giorno).

"L’83% dei donatori italiani dona in maniera periodica, non occasionale - spiega Giancarlo Maria Liumbruno, direttore del Centro nazionale sangue - Questa fidelizzazione è fondamentale per via del legame molto stretto che esiste tra donazione volontaria, consapevole e non remunerata e qualità del sangue in termini di sicurezza. Grazie ai donatori l’Italia è un Paese autosufficiente già da diversi anni e normalmente esiste una situazione di bilancio positivo tra numero di unità di sangue ed emocomponenti donate e fabbisogno a livello locale".

"Nel periodo estivo - continua il direttore del Cns - alcune Regioni possono trovarsi in situazioni di carenza ma il sistema è strutturato in modo tale da garantire la copertura dei bisogni trasfusionali attraverso lo scambio interregionale. È importante sottolineare che il sangue è una risorsa biologica limitata e, nel rispetto dei donatori, è necessaria una forte attenzione non solo agli aspetti produttivi ma anche all’appropriatezza dei consumi e alla gestione delle scorte".

Due giovani donatori, Agar Agalliu e Elia Carlos Vazquez, di origine, rispettivamente, albanese e argentina, hanno raccontano la propria esperienza. "Credo sia fondamentale che sia i nuovi italiani che gli immigrati donino sangue - dice Vasquez - perché hanno un’età media di circa 30 anni e sono in crescita demografica. Sappiamo che non esiste alcuna distinzione di cittadinanza ma, al contrario, il sangue è uguale per tutti. I gruppi sanguigni però sono distribuiti in maniera differente nelle diverse etnie e popolazioni, dunque è importante sensibilizzare verso la donazione tutti i membri appartenenti a una comunità. Il gesto della donazione è un primo strumento che aiuta a riflettere, aumentare la propria consapevolezza, costruire amicizie e collaborazioni. Tutto questo facilita l’integrazione sociale".

Per approfondire guarda anche: “Trasfusione di sangue e piastrine“

L’hai trovato utile?

Condividi

Iscriviti alla newsletter di Paginemediche
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali