La Brexit preoccupa l'industria farmaceutica europea

La Brexit preoccupa l'industria farmaceutica europea

All'indomani dell'uscita della Gran Bretagna dall'UE, l'Efpia si pronuncia sul futuro del settore sanitario europeo.
Roma, 24 giu. (AdnKronos Salute) - La Brexit preoccupa l'industria del farmaco europea, che all'indomani del voto britannico sottolinea l'esigenza di mettere "al centro di tutte le decisioni successive il paziente".

"In un momento in cui tutti i soggetti coinvolti nel settore sanitario europeo stanno considerando le implicazioni della decisione del Regno Unito di lasciare l'Unione europea, l'Efpia, European Federation of Pharmaceutical Industries and Associations, sottolinea in una dichiarazione "l'importanza di assicurare che il paziente è al centro di tutte le decisioni successive".
E se da più parti nei giorni scorsi si è ricordato che il voto non potrà non influire sulla permanenza a Londra dell'Ema (Agenzia del farmaco europea) e sul lavoro dell'ente, l'Efpia "condivide l'obiettivo comune di garantire un rapido accesso ai farmaci innovativi per i pazienti in tutta Europa, nonché lo sviluppo di un contesto normativo e politico che promuove l'innovazione e sostiene la ricerca e lo sviluppo di nuovi farmaci per soddisfare le esigenze dei pazienti, dei sistemi sanitari e della società. Come industria, nei prossimi mesi ci impegnamo a coinvolgere le parti interessate in Europa e nel Regno Unito a sostegno di questi obiettivi".
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Cardiologia e Farmacologia
Lecce (LE)
Specialista in Medicina interna e Gastroenterologia
Spinea (VE)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Psichiatria e Farmacologia
Casagiove (CE)
Specialista in Psichiatria e Farmacologia
Prov. di Milano
Specialista in Medicina interna e Farmacologia
Padova (PD)