01/08/2015

Pentiti del tatuaggio? Le regole d'oro per rimuoverlo

Health & News
Scritto da:
Health & News
Solo nel 2014 circa dodicimila italiani hanno richiesto di eliminare un tatuaggio. 
Il dato è stato presentato dall’Associazione italiana di chirurgia plastica estetica (Aicpe) che ha elaborato un decalogo per chi desidera rimuovere i tatuaggi.
  1. Non sempre il tatuaggio si cancella del tutto: il Laser non riesce ad eliminare l’intera traccia, molto dipende dal colore, profondità, densità e tipo di Pigmento e dal fototipo del paziente, cioè dal colore della sua pelle
  2. Rivolgersi solo ad esperti che utilizzino tecniche innovative e moderne, come ad esempio i laser q-switchati (laser Q-S) che con un impulso laser riesce a frammentare le cellule all’interno delle quali si sono accumulati i granuli di colore. Questi granuli minuscoli verranno smaltiti attraverso i liquidi corporei e da cellule migranti nei giorni successivi. Inoltre il trattamento va effettuato in diverse sedute – generalmente l’intera procedura tra i 45 e i 60 giorni) 
  3. Proprio la tempistica è oggetto del terzo punto del decalogo della Aicpe: impensabile rimuovere un tatuaggio in un giorno solo, bisogna calcolare diverse sedute distanziate di circa 6-8 settimane tra loro. Bisogna evitare l’esposizione al sole per un mese e nelle prime sedute di tintarella va applicata una crema a fattore protettivo di almeno +30. Quindi è importante calcolare bene i tempi per regolarsi sulla base dei propri impegni.
  4. Quante sedute ci vogliono per rimuovere il tatuaggio? Difficile dirlo in anticipo. Da cosa dipende la durata del trattamento? Da molti fattori. Ad esempio i tatuaggi professionali sono più difficili da rimuovere, ed alcuni colori sono parecchio resistenti, ad esempio il verde, l’azzurro, il giallo, che può essere quasi impossibile da rimuovere. I tatuaggi più vecchi sono più semplici da rimuovere perché il corpo ha eliminato da solo parte del pigmento. 
  5. La durata della singola seduta dipende dal tipo di tatuaggio da togliere: in genere ci vogliono dieci minuti per lavorare su una superficie di 4 centimetri. 
  6. I tatuaggi cosmetici di colore rosa, marrone o arancio – come quelli per le labbra o le sopracciglia-  richiedono attenzione e prudenza. Contengono zinco ed ossido di titanio, sostanze che a contatto con il laser, potrebbero scurire la pelle, quindi è indispensabile fare dei test su piccole aree della pelle. 
  7. Il paziente può decidere di interrompere il trattamento di rimozione quando vuole, consapevole che così il lavoro non sarà completo. 
  8. Il trattamento con laser Q-S è doloroso, normalmente viene applicata una crema anestetizzante 30 minuti prima di iniziare. 
  9. Se si ha la carnagione scura la rimozione del tatuaggio è più difficile “La rimozione è sconsigliata anche a chi ha la tendenza a sviluppare cicatrici ipertrofiche o cheloidee, a chi presenta infezioni attive della pelle. Attenzione invece a terapie farmacologiche o con farmaci foto sensibilizzanti”, spiega Luca Siliprandi, chirurgo plastico vice presidente di Aicpe
  10. Dopo il trattamento sulla pelle si formano delle bollicine che vanno curate con medicazione e Antibiotici
Alla fine può rimanere comunque un’ombra che viene chiamata fantasma del tatuaggio. Insomma, “togliere un tatuaggio è molto più difficile che farlo, e non sempre è possibile riuscirci”, conclude l’esperto.

Fonte
www.aicpe.org
TAG: Dermatologia e venereologia | Pelle
Health & News
Scritto da:
Health & News