Roma, 17 dic. (Adnkronos Salute) - La Croce Rossa vara il piano anti-freddo a favore delle persone senza dimora con una serie di iniziative che vanno dalla collaborazione ai piani di intervento per il freddo dei comuni al potenziamento della rete di supporto costituita dalle 'Unità di strada' che, con i volontari, sono presenti tutto l’anno sui vari territori. Nelle grandi città come Catania, Roma, Milano, Firenze, Genova, Venezia, Palermo, Napoli fino ai più piccoli centri, la Croce Rossa "sta assicurando con i volontari delle Unità di strada, una prima assistenza sanitaria, trasferimenti nei dormitori, accoglienza notturna, pasti caldi, coperte e, in alcuni centri, vaccinazioni antinfluenzali - sottolinea la nota della Cri - Un’attività che non si ferma neanche nel periodo delle festività e che vedrà ad esempio a Roma le Unità di strada uscire anche a Natale".
A Roma i Volontari, operativi sempre con le Unità di strada, garantiscono due volte al mese anche l’uscita di un camper medico, operando in rete con altre associazioni che provvedono alla distribuzione di pasti caldi. Sempre nella Capitale la Croce Rossa partecipa al Piano freddo del Comune mettendo a disposizione posti in accoglienza e sono previste uscite anche per il giorno di Natale.
A Milano "sta riscuotendo un notevole successo tra i cittadini - rimarca la Cri - la campagna lanciata un mese fa per la donazione di coperte. Inoltre nella Centrale operativa della Croce Rossa è attivo 24h su 24, 7 giorni su 7 il Servizio segnalazioni del Comune di Milano, dove operatori e volontari rispondono alle telefonate allo 02-88447646, numero al quale è possibile segnalare la presenza di persone senza dimora in difficoltà. Il servizio è attivo tutto l'anno. E anche nel capoluogo lombardo l’Unità di strada medica, bisettimanalmente, sta provvedendo già da qualche settimana a somministrare vaccini antinfluenzali a coloro che ne fanno richiesta. Il tutto avviene all'interno dell'ambulatorio mobile direttamente in strada".
Anche a Firenze il Comitato Cri continua a garantire le consuete tre uscite settimanali dell’unità di strada per portare supporto e conforto alle persone senza dimora con distribuzione di bevande calde, generi di prima necessità e coperte. In collaborazione con il Comune di Firenze, i volontari informano e sensibilizzano sull'opportunità di pernottare nelle strutture dell’accoglienza invernale - 151 posti letto messi a disposizione dall’amministrazione per uomini e donne senza dimora - e in caso di riscontro positivo, fanno da tramite per assicurare un ricovero.
In Liguria sono previste attività di accoglienza con posti letto e Unità di strada che a Genova assistono più di 80 persone mentre a Ventimiglia da qualche settimana è attiva l'Unità di Strada. "Anche a Venezia il servizio viene svolto durante tutto l'arco dell'anno, in particolare a Mestre, Marghera e Venezia centro storico - ricorda la Cri - Le squadre di volontari svolgono servizio di assistenza sanitaria (piccole medicazioni, misurazione pressione ecc.) assistenza e supporto sociale, consegna di coperte, vestiti, kit igienici, generi alimentari. Nel periodo dell’emergenza freddo l’ attività è svolta in collaborazione ed in partenariato con i Servizi Sociali del Comune e con le altre realtà associative presenti sul territorio".
Gli interventi della Croce Rossa proseguono anche al Sud. "A Palermo in vista dell'emergenza freddo, il Comitato Cri in accordo con il Comune ha predisposto un servizio di trasferimenti nei dormitori della città - evidenzia la nota della Cri - Sono inoltre state incrementate le uscite settimanali per verificare ogni tipo di esigenza o richiesta di posti letto e distribuzione di bevande calde, coperte e indumenti per poter far fronte alle basse temperature".
"A Catania ci si sta muovendo sul piano sanitario, su quello abitativo e su quello dell'emergenza - prosegue Cri - Dal punto di vista sanitario è in corso un piano di vaccinazioni antinfluenzali per prevenire complicazioni nelle patologie respiratorie raggiungendo le persone che vivono in strada, nelle mense e nei dormitori pubblici anche grazie al coinvolgimento di altre associazioni. Inoltre presto sarà operativa una sede".
"A Napoli, in collaborazione con la Centrale operativa del Comune e altre associazioni, si svolgono varie attività, tra cui distribuzione viveri, assistenza sociosanitaria, accompagnamenti per ricoveri ordinari e di emergenza, sia in strutture di accoglienza sia in strutture sanitarie. Nel periodo di maggior freddo, si registrano aumenti di visite nei due punti di prima assistenza sanitaria, che si trovano nel cuore del centro storico della città, rivolti sia alle persone senza dimora sia a chi è in difficoltà economica - conclude la Cri - Si cerca con la distribuzione dei farmaci, raccolti e gestiti da farmacisti volontari, e grazie all’accordo con il Banco farmaceutico di dare ad ogni assistito una terapia o anche farmaci difficilmente reperibili. Importante poi l’attività che si effettua in città con le Unità di strada che sta ottenendo anche una buona risposta da parte di chi ci vive e la partecipazione a pranzi solidali in occasione delle festività mentre a fine gennaio il Comitato Cri sta organizzando un pranzo della solidarietà".