Roma, 16 gen. (Adnkronos Salute) - "Ho sempre detto che, qualora dovessi rendermi conto che il percorso" del ddl contro le aggressioni ai medici e agli operatori sanitari "rallentasse o ci fossero difficoltà nell’approvare la norma, io sono disponibile e pronto a usare i poteri che la Costituzione conferisce al governo nei casi di urgenza". Lo ha affermato il ministro della Salute, Roberto Speranza, oggi a Roma, a margine di un incontro con i giornalisti a seguito della prima riunione della Consulta permanente delle professioni sanitarie.
"Qualora invece - ha proseguito - si procederà spediti, io voglio rispettare il Parlamento. La norma è stata calendarizzata a febbraio e già nel mese di gennaio ci saranno le audizioni. Io sono pronto e questa è anche un’arma anche di deterrenza, ma mi viene riferito che c’è grande sintonia, per cui penso si possa rispettare l’autonomia del Parlamento".