15/12/2016

Una nuova tecnologia aiuterà a combattere il cancro

una nuova tecnologia aiutera a combattere il cancro
GoSalute
Scritto da:
GoSalute

Sviluppata una nanosonda che, una volta inserita nel corpo, è in grado di individuare e attaccare alcune cellule del cancro così da identificarle e distruggerle. Questa innovazione medica è stata creata da ingegneri biologici della Natural Research Nuclear University MePhl di Mosca e si prefigge l’ambizioso obiettivo di scoprire la formazione della prima cellula di cancro nel corpo umano, quando la malattia è ancora lontana dal provocare danni irreversibili.

Mikhail Strijánov, presidente della MEPhI, negli ultimi anni ha impegnato i ricercatori nel campo della nanomedicina per creare piccolissimi "shuttle" non solo per la diagnosi ma anche per utilizzare le terapie in grado di trasportare farmaci dentro le cellule tumorali, mirate a ridurre gli effetti collaterali e massimizzare l'efficacia delle molecole introdotte.

Nel dettaglio, la nanosonda si comporta come un minuscolo "Caronte", in grado di traghettare i farmaci all'interno del tumore e cioè un nucleo radioattivo che vive solo poche ore aggredendo il tumore, irradiandolo per un tempo limitato per poi diventare innocuo per il paziente, come spiegato da Irina Zavestóvskaya, direttrice dell'Istituto di Ingegneria, Fisica e Biomedicina, integrato nella struttura del MEPhI.
Una volta dentro, come un "cavallo di Troia", la nanosonda potrà rilasciare il radiofarmaco in modo mirato.

L'obiettivo dei ricercatori è quello di portare la ricerca nanomedica verso un'applicazione clinica per la salute dell'uomo con il sistema di nanosonde in un termine massimo di due o tre anni, quando saranno concluse tutte le prove cliniche.

 

Per approfondire guarda anche: “Tumore“

TAG: Oncologia | Tumori
GoSalute
Scritto da:
GoSalute