Roma, 12 set. (AdnKronos Salute) - "Oggi sono super-felice per tutto e lavoro con la famiglia per aiutare i ragazzi, ma il mio problema era che non avevo fatto li vaccino quando ero piccola e ho avuto questa malattia. Ma i vaccini ci sono e quello che oggi voglio dire, e quello che stiamo provando a fare con tutta la mia famiglia, è di fare le immunizzazioni, e se non le volete fare dovete essere veramente molto informati su questa scelta, fare molte ricerche e parlare con i medici. Ovviamente il mio consiglio è di fare i vaccini". Lo ha affermato Bebe Vio, campionessa paralimpica scherma, nel video-messaggio mandato al Summit mondiale sulle vaccinazioni, organizzato dall'Unione europea e dall'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), pubblicato sul profilo twitter della Direzione Salute e sicurezza alimentare della Commissione Ue.
La campionessa ha ricordato la sua storia: colpita da una forma di meningite acuta e rapida ha subito, per una crisi settica, l'amputazione di entrambe le gambe sotto le ginocchia e degli avambracci. Ma oggi "è comunque felice", con la sua associazione e la sua famiglia "aiutiamo i ragazzi a fare sport sostendendoli nell'acquisto di protesi, sedie a rotelle o stampelle", ha sottolineato Bebe Vio.