Logo Paginemediche
Norme igieniche in gravidanza
02 Maggio 2012
|
2 minuti

Norme igieniche in gravidanza

Saponi neutri, niente permanenti e tinture, vestiti semplici e scarpe comode: le norme igieniche da seguire in gravidanza.
  • In gravidanza non vi è alcuna Controindicazione al bagno in vasca o alla doccia. Consiglio l'impiego di saponi neutri o meglio a pH fisiologico (fluido detergente con pH = 5.5);
  • i capelli possono essere lavati ogni volta che lo si desidera (shampoo alle erbe per lavaggi frequenti); devono essere evitate la permanente e soprattutto le tinture;
  • la cura dei denti non differisce dalle norme abituali. Consiglio spazzolino con manico corto ma largo e testina piccola non angolata; pasta dentifricia di tipo abrasivo alternata ad altra meno abrasiva, salvo diversamente consigliato dall'odontoiatra. La gravidanza non rappresenta una controindicazione alle cure odontoiatriche né tanto meno all'esecuzione di un'anestesia locale, qualora fosse necessaria. Sono da rimandare a periodi successivi cure differibili o estetiche;
  • i vestiti devono essere semplici e non provocare costrizioni. La biancheria deve essere di materiale non irritante che consenta la traspirazione (fibre naturali tipo seta o cotone, non fibre sintetiche). I lavaggi in lavatrice devono prevedere doppio ciclo di risciacquo. Le scarpe devono essere comode a pianta larga, con tacco basso ed ampio (evitare i tacchi a spillo);
  • per la pulizia del capezzolo utilizzare acqua e sapone. Nell'ultimo trimestre di gravidanza è consigliabile, dopo un massaggio con guanto di crine sui seni e intorno all'areola mammaria, torcere ed estroflettere più volte il capezzolo, in modo da prepararlo all'allattamento e prevenire le ragadi. Dopo tale manovra, massaggiare sempre in senso rotatorio Areola e capezzolo con olio (tipo olio di calendula) per rendere idratata e 'nutrita' la parte. L'estroflessione del capezzolo può causare raramente microcontrazioni all'utero. Qualora ciò si verificasse ripetutamente, sospendere il trattamento;
  • la comparsa in gravidanza di macchie cutanee non deve destare preoccupazione (l'uso di creme specifiche può essere di qualche utilità); la comparsa di macchie 'strane' o l'aumento di alcuni nevi devono comunque essere riferiti al medico. Non vi è alcuna seria dimostrazione che l'uso di creme o la pratica di massaggi comportino apprezzabili vantaggi ai fini della prevenzione delle smagliature addominali (che si possono prevenire solo mantenendo contenuto l'aumento di peso).

 

A cura di Gravida.org

gravida

Cerca un medico nella tua città
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Pescara (PE)
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Cagliari (CA)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Prov. di Catania
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Napoli (NA)
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Belvedere Marittimo (CS)
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Pompei (NA)
Specialista in Ginecologia e ostetricia e Oncologia
Carrara (MS)
Specialista in Ginecologia e ostetricia
San Benedetto del Tronto (AP)
Specialista in Ginecologia e ostetricia e Ostetrica
Viterbo (VT)
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Giarre (CT)