Stress e demotivazione a lavoro

Stress e demotivazione a lavoro

Si chiama burnout la sindrome che affligge i lavoratori che vivono una condizione di stress prolungato. I fattori di rischio sono almeno quattro.
In questo articolo:

La frustrazione generata dal lavoro è una condizione mentale molto dolorosa. Ci possono essere diverse cause che possono portare a demotivarsi nello svolgere il proprio lavoro. Attualmente si parla molto di Dumping contrattuale, un fenomeno che sta coinvolgendo in Italia milioni di persone che lavorano in una condizione contrattuale insostenibile: contratti rappresentativi o, addirittura, “pirata”.

Una retribuzione non conforme al proprio lavoro, l’incertezza del futuro determinata da rapporti lavorativi instabili e non regolari possono portare livelli di sofferenza e disorientamento molto significativi nelle persone che si trovano a vivere queste ingiuste esperienze.

In psicologia, con il termine burnout viene indicata una sindrome che può affliggere i lavoratori che vivono una condizione di stress prolungato, alla quale non riescono più a reagire. Il termine è inglese e significa letteralmente “scoppiato”, “bruciato”. Una tra le molteplici cause attualmente riguarda il rapporto tra la messa in sicurezza nel lavoro, ma anche a livello contrattuale, e la salute fisica e mentale.

Come ogni altro fenomeno umano, il burnout può presentarsi e intervenire con modalità diverse sulle persone in relazione alla reazione soggettiva agli stimoli stressogeni. I fattori di rischio connesso a questa sindrome, che sono importanti da prevedere e controllare, riguardano ad esempio:

  • il sovraccarico di lavoro
  • una mancanza di controllo sul proprio lavoro
  • l’assenza di gratificazioni
  • la percezione di iniquità.

Come si manifesta

In generale sono questi tre aspetti che si possono manifestare:

  • esaurimento emotivo: caratterizzato da irritabilità, aggressività, depressione, stanchezza, lamentela;
  • depersonalizzazione: la persona assume un comportamento freddo e distaccato nei confronti del lavoro e degli altri, indifferenza;
  • mancanza di autostima: la persona arriva a percepirsi come incapace e inadeguata al lavoro.

Cosa fare?

Per prima cosa bisogna cercare un supporto professionale. A volte il primo passo può essere rivolgersi al proprio medico per valutare un periodo di riposo. Il consiglio, poi, è di cercare un supporto psicologico che aiuti a prendere decisioni e scelte per affrontare un cambiamento, gestire il proprio disagio e individuare le cause dell’esaurimento sul piano psichico, affinché si possa essere più resilienti e pronti ad affrontare le situazioni complesse.

Cerca un medico nella tua città
Specialista in Psicologia e Psicologia e Psicoterapia
Sesto San Giovanni (MI)
Specialista in Psichiatria e Psicologia
Prov. di Milano
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Psicologia e Psicologia e Psicoterapia
Pisa (PI)
Specialista in Psicologia e Psicoterapia
Firenze (FI)
Specialista in Psicologia e Psicologia clinica
Milano (MI)
Specialista in Psicologia
Pisa (PI)
Specialista in Pediatria e Neuropsichiatria infantile
Prov. di Varese
Specialista in Psicologia e Psicoterapia
Roma (RM)
Specialista in Psicologia ad indirizzo medico e Criminologia clinica
Pescara (PE)
Specialista in Psicologia e Psicoterapia
Milano (MI)