Logo Paginemediche
Fratellino in arrivo
18 Settembre 2013
|
2 minuti

Fratellino in arrivo

La nascita di un fratellino potrebbe rappresentare un trauma per un bambino per questo è importante abituarlo gradualmente e non escluderlo.

Una seconda gravidanza è una gioia per tutta la famiglia, ma potrebbe essere un piccolo Trauma che il primogenito deve affrontare in tenera età. Solitamente, si tratta di bambini dai 3 anni in su, anche perché quelli più piccoli difficilmente riescono ad esprimere un pur minimo malessere.

È importante, però, non fare troppi e drastici cambiamenti per non turbare la tranquillità del piccolo; intanto, sarebbe meglio non comunicare la nascita futura del fratellino subito, ma cercare di abituarlo all'idea gradatamente. Si potrebbe, ad esempio, cominciare a farlo abituare all'idea ipotizzandogli una futura nascita, magari coinvolgendolo nell'eventuale scelta del nome, prospettandogli la possibilità che giochino insieme.

Altro passo importante è quello di spostare i mobili prima della nascita; il primogenito, così, non assocerà alla venuta del fratellino (o sorellina) questo cambiamento nella sua stanzetta.

Inoltre, rispolverate le foto di quando eravate incinta di lui e spiegategli che, com'è successo per lui, succederà anche per il fratellino in arrivo. Fategli accarezzare spesso la pancia e, se il feto si muove, fategli sentire i suoi movimenti; il bambino lo considererà già parte della famiglia e gli si affezionerà prima della nascita. Raccontategli, magari, le vostre esperienze e sensazioni quando ad essere nel pancione era lui.

Non fategli pesare la vostra degenza in ospedale o in clinica per il Parto; spiegategli che è una sorta di vacanza in cui aspettate di far uscire il fratellino 'allo scoperto'; in questo potrebbe essere utile l'aiuto del papà, il quale si presterà al gioco e a farsi accompagnare in ospedale o clinica dopo la nascita.

Quando porterete a casa il nuovo nato, non escludete il primo figlio dalla vita quotidiana, anzi, coinvolgetelo nei gesti più usuali: il bagnetto, il cambio del pannolino, l'allattamento. Permettetegli di toccare il neonato e magari, sotto la vostra supervisione, di tenere un po' in BRACCIO, in modo che la vicinanza fisica faccia 'da collante' tra i due e ricordate che un po' di gelosia è sempre naturale.

Top

Cerca un medico nella tua città
Specialista in Psicologia
Prov. di Torino
Specialista in Psicologia
Cagliari (CA)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Psicologia
Palermo (PA)
Specialista in Psicologia e Psicoterapia
Roma (RM)
Specialista in Psicologia e Psicoterapia
Milano (MI)
Specialista in Psicoterapia e Psicologia
Torino (TO)
Specialista in Psicologia e Psicologia clinica
Isernia (IS)
Specialista in Psicologia
Roma (RM)
Specialista in Psicologia e Psicoterapia
Pesaro (PU)
Specialista in Psicologia
Castel Mella (BS)